17 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

  1. Home
  2. Author Blogs

Patrizia Rulli

Patrizia Rulli

1979: quando la scuola Crocetta divenne Anna Frank

Purtroppo oggi non è più qui con noi Felice Riccardi per raccontarci quel giorno di settembre, per la precisione il 22 settembre del 1979, quando la Scuola Media della Crocetta fu intitolata ad Anna Frank.

Il Giorno della Memoria, ecco tutte le iniziative a Cinisello e dintorni

Oggi si celebra il Giorno della Memoria 2023, ricordiamo a quali iniziative è possibile assistere per poter ricordare la storia della deportazione politica che ha coinvolto i nostri concittadini. PIETRE D’INCIAMPO Cinisello BalsamoA.N.P.I. Cinisello BalsamoSabato

Storia di Enrico Bracesco, dagli scioperi alla Breda al campo di sterminio

Domani si celebra il Giorno della Memoria. Il nostro giornale ringrazia Milena Bracesco, figlia del deportato Enrico, morto nel Castello di Hartheim, per aver concesso di pubblicare il suo racconto di testimone della storia di

Uno spettacolo per il Giorno della Memoria che unisce le associazioni

Come ricorda la senatrice Liliana Segre, superstite dell’Olocausto: “Se non saremo sempre vigili, attenti, informati, solidali e attivi, il passato potrebbe accadere ancora e ridiventare futuro”. Sono queste le motivazioni che spingono da anni la

Una mostra alla Casa della Memoria dedicata alle vittime dei campi nazisti

Inaugura oggi 18 gennaio alle ore 18 alla Casa della Memoria di Milano la mostra "PROGETTARE LA MEMORIA. Lo Studio BBPR: i monumenti, le deportazioni". Attraverso un percorso fotografico di Nanni Fontana e documenti provenienti

Le Pietre d’inciampo arrivano a Sesto, per non dimenticare i deportati

In occasione del Giorno della Memoria 2023, oggi, lunedì 16 gennaio, verranno posate UNDICI Pietre d’Inciampo a ricordo di altrettanti deportati, le prime per Sesto San Giovani. Le Pietre verranno collocate in varie vie cittadine,

Il cinisellese Giuseppe Gozzini fu il primo a difendere la memoria di Giuseppe Pinelli

Non so come ma ho la certezza che con la strage di pochi giorni fa, l’orrendo coro dei giornali e questo assassinio del Pinelli, è davvero finita una età, cominciata ai primi del decennio. È

La strage di Piazza Fontana e quel sacerdote cinisellese che si salvò per un soffio

Milano, venerdì 12 dicembre 1969. È una giornata uggiosa, alle 16.30 è già quasi buio, il clima è di festa per l’avvicinarsi del Natale, c’è molta gente lungo le strade del centro, le vetrine sono

Carlo Villa, antifascista cinisellese ucciso dal regime nel 1934

Una via del centro cittadino e una Scuola Primaria sono a lui intitolate, la sua ultima abitazione èancora in via Vittorio Veneto e la sua tomba è nel cimitero di Cinisello, ma pochi sanno chi