23 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Annunci, errori e ritardi. La corsa impossibile del nuovo Parco della Pace

Annunci, errori di progettazione, ancora annunci e ritardi. Al primo vero banco di prova su un progetto di un’opera pubblica che non sia stata ideata e realizzata da chi c’era prima del 2018, la giunta di destra di Cinisello Balsamo non sembra aver dato prova di salda affidabilità. Si tratta del parco della Pace e della sua riqualificazione, ancora da portare a termine dopo due anni di proclami.

Il progetto riguarda la realizzazione dell’area cani, il rifacimento dei vialetti, la posa di panchine, le rastrelliere per le biciclette, un nuovo campo di pallacanestro, la risistemazione della pavimentazione antishock, piste ciclabili, rifacimento dell’asfalto e un nuovo tipo di illuminazione. E per l’intero progetto erano stati stanziati 250mila euro, che si sono rilevati – attacca il PD – palesemente insufficienti.

I guai peggiori, però, sono sorti in fase di realizzazione: i lavori sono iniziati nell’agosto del 2023 – in grave ritardo rispetto a quanto preventivato, perché dovevano essere consegnati il 17 maggio 2023 – e a distanza di un anno sono ancora in alto mare, affermano i dem.

Sono diversi i punti critici. In primis, i lavori del campo da basket, iniziati in economia tramite un’impresa già affidataria di altri lavori in città, che si sono protratti a lungo per errori nella realizzazione delle pendenze e hanno visto l’avvicendarsi di diverse ditte; tuttora non sono state ancora tracciate le linee del campo. 

Ma la vera nota dolente è però la nuova area cani, già di per sé superflua, dato che sostituisce due aree esistenti collocate in una posizione ideale per non disturbare gli altri fruitori del Parco. “Sin dall’inizio si è notato che i lavori venivano realizzati con una certa approssimazione. Addirittura, la nuova area, posata sciaguratamente di fronte alla scuola Parco dei Fiori solo qualche settimana fa, è stata poi spostata a seguito delle lamentele di alcuni genitori in altra zona”, dichiara Daniele Calabria, dirigente del Circolo PD cinisellese

Sono gli stessi fruitori del Parco a testimoniare il disagio provocato da questo intervento che si sono anche accorti che all’interno alcuni dei pochi alberi presenti sono molto tossici per gli animali.“Come risolveranno quest’altro problema, spostando nuovamente l’area cani, oppure tagliando gli alberi? Al taglio degli alberi siamo avvezzi, ma farlo dentro a un parco sarebbe davvero un ossimoro”, continua Calabria. 

Altre criticità legate alla riqualificazione attengono all’area giochi: “Sarebbe stato preferibile” dichiara la consigliera comunale Mariarita Morabito “che fosse ricoperto dalla pavimentazione antishock per la sicurezza dei bambini, che invece è stata posata a spot, rendendo l’area pericolosa per la presenza di scalini e avvallamenti. La pavimentazione antishock posata sotto la teleferica, poi, non copre l’intero percorso della stessa e nell’ottica della riqualificazione dei giochi nel parco andrebbe sostituita”.

Volendo dare uno sguardo complessivo all’intero Parco – aggiunge il PD –  si nota poi che l’unico vialetto in un certo qual modo sistemato è quello che costeggia la scuola dal lato di via Gran Sasso, i cui cordoli tuttavia creano un pericoloso dislivello col terreno circostante, e che le sedute rotte ed eliminate lungo il corso dei vialetti non sono state rimpiazzate a eccezione di quelle accanto alla nuova area giochi. Emerge anche la presenza di una botola, facilmente accessibile anche dai ragazzini, molto pericolosa per via della profondità.  “Lavori di questo tipo richiedono un monitoraggio costante e Sindaco e vicesindaco, che nel 2022/’23 avevano rispettivamente la delega ai lavori pubblici e all’ambiente, non possono pensare di intervenire solo in seguito alle denunce dei cittadini che dimostrano di essere più sul pezzo di chi ci amministra” conclude la consigliera del PD Mariarita Morabito.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

F.C. Cinisello, eccellenza del calcio. “Ora un pubblico più numeroso”

Articolo successivo

Urban Opera, la musica tra la gente

2 commenti

  • purtroppo tutto il parco in oggetto è un’ area cani in quanto spesso gli stessi non vengono condotti al guinzaglio. Ci vorrebbe più controllo. Anche cani di una certa taglia e di razze non proprio tranquille scorrazzano senza guinzaglio

  • Ma come proprio voi così ambientalisti volete spostare un’ area disponibile x i cani e dite che ci sono piante dannose ma mi meraviglio oltre a questo protestate che vengano lasciati liberi dei poveri animali di scorazzare come vogliono. A cosa volete ancora attaccarvi x rompere i c……i alla giunta? Pensate invece di tirare su la merda dei vostri cani (che poverini non hanno colpa) x fare vedere che la città è sporca e denigrare il Sindaco.Veramente indegni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *