23 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Verde fuori controllo, “non servono scuse ma programmazione”

È lungo l’elenco dei problemi di incuria e decoro segnalati dai cittadini negli ultimi mesi, su cui come centrosinistra abbiamo deciso di accendere i riflettori. Alcuni aspetti sono sotto gli occhi di tutti: la situazione dell’erba alta nelle strade e nei parchi pubblici ma anche quella delle piante infestanti che emergono dai marciapiedi, che va ormai avanti da qualche anno, ha raggiunto livelli preoccupanti. Su questo il Sindaco ha provato nuovamente a dare la colpa al Lodo Gas, una scusa ormai usata troppo spesso che però  non regge più a fronte di un aumento di IRPEF e IMU che è andato ben oltre qualunque costo legato al mutuo per acquisire le reti.

I soldi ci sono ma vengono usati male. Andando oltre potremmo citare anche l’assenza di manutenzione o di pulizia di tetti e grondaie delle palestre scolastiche, che con i forti temporali delle scorse settimane ha portato, ad esempio nelle Scuole Monte Ortigara, a problemi di infiltrazione e allagamento.

Oppure la situazione dei giardini della Scuola Costa chiusi dal 2020, dopo l’avvio di lavori che non si sono mai conclusi. Nessuna risposta è arrivata alle domande dei consiglieri comunali del PD. O ancora i gravi ritardi degli interventi di riqualificazione del parco della Pace, avvenuti con approssimazione ed errori, tra cui quello di un’area cani messa in una zona diversa da quella attesa.

Grida vendetta anche la situazione della sede delle associazioni in via Alberti, oggi completamente abbandonata a sé stessa: servirebbero lavori di manutenzione per farla tornare a essere un presidio per il quartiere ma nulla si sa sulle intenzioni della Giunta. Da ultimo, la recente approvazione del Piano finanziario di Nord Milano Ambiente che, a fronte di una città sempre meno pulita, chiede ai cittadini di farsi carico di un nuovo aumento della tari. E potremmo andare avanti.

Ricordiamo gli esponenti della destra che fino al 2018, da rappresentanti dell’opposizione, erano prodighi nell’immolarsi con tanto di foto e comunicati stampa per casi di incuria ben meno impattanti. Intere campagne elettorali costruite sullo slogan “basta degrado” per poi ritrovarsi al governo della città e far piombare Cinisello Balsamo in una situazione peggiore. È la legge del contrappasso? Forse ma non intendiamo assumere gli stessi toni populisti e demagogici di allora. Serve responsabilità.

Chiaramente avere una città pulita richiede il rispetto delle regole anche da parte dei cittadini e alcuni problemi dipendono anche dal cambiamento climatico (Ghilardi si ricorderà di dirlo a Matteo Salvini?). Quello che chiediamo però al Sindaco e alla Giunta è di non girarsi dall’altra parte adducendo scuse ma di agire accettando con più di umiltà le rimostranze e segnalazioni dei cittadini.

Stanziare i fondi necessari per gli interventi più urgenti, definire una programmazione chiara con un’attività di monitoraggio e controllo costante rispetto ai lavori appaltati, investire risorse sull’ufficio tecnico, che non può essere abbandonato a sé stesso: basterebbe partire da qui per iniziare a dare un segnale.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Carla Pessina presenta la squadra. A Cusano prove di cambiamento

Articolo successivo

Valanga social sulla giunta: “Dove giocano i bimbi erba alta un metro”

2 commenti

  • Unico mio commento e’ che sono veramente stufo di leggere i vostri rapporti di regime ma la gente sicuramente pagata da voi non ha meglio da fare che rompere i c……i al prossimo e poi il passaggio sul cambiamento climatico è veramente surreale ma la merda che non raccolgono i padroni dei cani è cambiamento climatico fate solo ridere x non dire piangere.Ma quando c’erano le giunte comuniste non ho mai i vostri amici andate in giro a filmare marciapiedi sudici merda in giro una piazza Gramsci ché fa’ c….e (Vedi Gasparini) ecc ecc.
    Ma alla fine chi se ne frega W la Giungla ma non siete tutti ambientalisti

  • Sicuramente è una grossa bugia accollare tutto al Lodo Gas. IRPEF e IMU AUMENTATI SI! EPPERÒ METTIAMOCI ANCHE GLI AUMENTI FINO ALL’80% (INGIUSTIFICATO), DEGLI ALLOGGI COMUNALI. VERGOGNA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *