23 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Entangled, lievitano gli extra-costi. In arrivo altri 2,4 milioni dalla Regione

Altri 2,4 milioni concessi al comune di Cinisello Balsamo da Regione Lombardia in aggiunta ai 15,3 già stanziati per il progetto Entangled del quartiere Crocetta. A darne notizia è il comune, sottolineando come le risorse aggiuntive, previste dal Fondo Sviluppo Coesione, vadano “a far fronte all’incremento generale dei prezzi nonché all’insorgere di costi inizialmente non previsti anche in relazione alla necessità di garantire il rispetto delle previsioni definite a livello comunitario e nazionale in materia di climate proofing”.

Nel concreto – riassume la giunta – l’intero programma si snoda attraverso 7 azioni, che interessano 3 ambiti di intervento: le scuolequali il Nido Girasole e la scuola Anna Frank, con le sue peculiarità ed eccellenze in campo didattico e formativo; i servizi: la Casa della Cittadinanza, il Centro anziani Friuli e il Consultorio e gli edifici pubblici, in particolare l’edificio Sap di via Friuli in accordo con Aler, proprietaria dell’immobile, che per la riqualificazione in chiave energetica ha stanziato ulteriori risorse pari a 2 milioni di euro.

Le nuove risorse verranno destinate agli interventi di riqualificazione e sulle nuove costruzioni. Stiamo parlando di un investimento significativo a favore del quartiere Crocetta per migliorare la qualità della vita ai suoi residenti, offrire più connessioni e servizi, che possono andare a vantaggio di tutta la città. In questi mesi stiamo procedendo con l’affidamento degli incarichi per la progettazione”, ha dichiarato il sindaco Giacomo Ghilardi.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

“Irregolarità nel sistema anti-incendio”. Ma il nido comunale è rimasto aperto

Articolo successivo

Pittori en plein air nei parchi cittadini

Un commento

  • quello che manca di più al quartiere Crocetta è un piccolo supermercato. Un posto dove potere fare tutta la spesa. Come ce ne sono in altri quartieri della Città ( Coop, Crai, Unes, ecc..) . Com’ è possibile che tutta quella gente venga lasciata senza un servizio così importante? Le autorità dovrebbero spingere per risolvere questo problema che colpisce innanzitutto gli anziani e chi non ha l’auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *