23 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Ultimo giorno per la panetteria di Massimo che chiude dopo 42 anni

Domani mattina, sabato 29 giugno, chiude definitivamente i battenti l’attività di Massimo Carbonaro, il panificio di Via Friuli, nel cuore del quartiere Crocetta. Un video emozionante fatto circolare sui social sotto il profilo di bobociny, lo annuncia. Un messaggio di ringraziamento che Massimo dedica a tutti i clienti, i conoscenti, gli amici che in questi 42 anni lo hanno accompagnato e sostenuto, regalandogli grandi emozioni “che non scorderò mai-sottolinea il Carbonaro- e porterò con me per sempre”.

Di origine messinese, Massimo all’età di 11 anni si trasferisce a Cinisello con la sua famiglia, in cerca di lavoro stabile. Dopo un periodo trascorso vendendo frutta ai mercati, l’occasione si presenta quando il papà di Massimo prende in affitto due locali, che in seguito riuscirà ad acquistare, destinandoli a panetteria e fruttivendolo. Massimo ha trascorso la sua infanzia e la sua adolescenza diviso tra scuola e panetteria, aiutando i genitori nella loro attività. Ha vissuto in quei locali la maggior parte della sua esistenza perché uscito da scuola stava lì, con mamma e papà. 

Il quartiere lo ha vissuto appieno, coltivando le amicizie nate grazie alla frequentazione della scuola primaria Sardegna (oggi Mario Lodi ) e di quella secondaria di primo grado Anna Frank.

“L’attività rende bene, ma per me è arrivato il momento di rimettermi in gioco – spiega Carbonaro – ho bisogno di fare scelte diverse seppur con sofferenza, perché qui resta un pezzo del mio cuore”. Gli anni trascorsi come panettiere gli hanno dato infatti grandissime soddisfazioni, professionali e personali.  42 anni di ricordi e di esperienze che Massimo porterà con sé, nei quali ha scambiato esperienze e approfondito collaborazioni con altri professionisti cinisellesi del settore, due forni del pane, la Pizzeria Il Biondo, la Pasticceria Gelmini. Domani mattina il negozio resterà aperto solo per salutare i propri clienti, terminando a mezzogiorno con un aperitivo offerto a chiunque vorrà unirsi a lui.

Stefania Vezzani

Collaboro col giornale dal 2013. La mia indole, allegra e cordiale, mi aiuta ad affrontare la vita con ottimismo.

Articolo precedente

Scompare Sandro Majer, storico macellaio di piazza Gramsci

Articolo successivo

Tagli ai centri estivi. La destra vittimista che nasconde la mano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *