23 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

La “giungla” cinisellese spopola su Tik Tok. Opposizioni all’attacco

Su Tik Tok gira da qualche giorno un video sulle erbacce presenti in un muretto del quartiere Crocetta che ha raggiunto oltre 45mila visualizzazioni in poche ore. Altre foto con i polloni giganti sotto gli alberi e i parchetti ormai impraticabili girano da tempo sui sociale. E’ l’effetto della città rimasta orfana della manutenzione del verde, che si trasforma in giungla e che fa discutere così come la sporcizia per le strade e gli schiamazzi notturni.

Polemiche che divampano anche nel mondo politico. Le forze di opposizione (PD, Cittadini Protagonisti Insieme, Cinisello Balsamo Civica, La Città Giusta – Sinistra per Cinisello Balsamo, Movimento 5 Stelle, Alleanza Verdi-Sinistra, Partito Socialista e Azione) denunciano: “La Giunta Ghilardi continua a trascurare la città. È più di un mese che Cinisello Balsamo continua a versare in condizioni deplorevoli per via dell’incuria da parte dell’amministrazione: verde pubblico trascurato, strade sporche, topi e schiamazzi notturni. I cittadini chiedono di essere ascoltati ma il Sindaco Ghilardi crede di poterli prendere in giro nascondendosi dietro la questione del Lodo Gas”. 

Si dovrebbero dare multe salate – continua la nota – iniziare davvero a spaventare chi non rispetta le regole e ciò non avviene, mancano controlli sistematici. Nonostante il progressivo aumento della tassa rifiuti in questi anni, la città appare sempre più sporca. Dove sono il decoro e la pulizia promessi dal Sindaco? Soprattutto, servirebbe far rivivere i quartieri della nostra città, anche in orario serale, cercando la collaborazione con le associazioni e i comitati”.

Nonostante queste segnalazioni, il primo cittadino si giustifica continuando ad utilizzare come incipit: Siamo consapevoli che le conseguenze del Lodo avrebbero creato alcune criticità e disagi che stiamo man mano monitorando e gestendo…”

 L’opposizione, davanti alla reiterata scusa del Lodo Gas, non può che commentare: “Le risorse ci sono ma se il Sindaco non le utilizza per lo stralcio dell’erba e la pulizia allora queste sono le conseguenze. Anche dopo essere stato costretto a togliere la delega all’ambiente all’assessore Malavolta, assegnandola all’assessore Maggi, nulla è cambiato e le lamentele dei cittadini continuano”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Via la scritta razzista. I volontari la cancellano dal muro

Articolo successivo

Un nuovo centro geriatrico ai Poliambulatori Il Sole. “Risposta ai bisogni emergenti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *