23 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Malamovida a Cinisello, scattano i divieti anti-alcol. Ecco in quali strade

Via Libertà, via Cadorna, Piazza Turati e viale Rinascita epicentri della malamovida. Almeno secondo il sindaco di Cinisello Balsamo che ha firmato due nuove ordinanze anti-alcol rese necessarie “in seguito ad attività di controllo da parte della Polizia Locale”.

Le ordinanze – dice il comune in una nota – intendono limitare l’abuso di alcol e la presenza ovunque di contenitori potenzialmente pericolosi che causano disagi. La nota si riferisce al frequente abbandono di bottiglie in vetro e lattine dopo il consumo, insieme ad altri episodi (non resi chiari dal comunicato) che “compromettono il decoro cittadino e arrivano a costituire un rischio per l’igiene pubblica, costituiscono infatti ragione di disagio per i cittadini residenti e passanti e contribuiscono alla percezione di insicurezza e disagio in alcune zone della città”.

E’ la percezione dell’insicurezza a farla da padrona in città. Tanto da spingere l’amministrazione ad agire anche nei confronti dei commercianti. Nella seconda ordinanza finiscono nel mirino le attività commerciali di via Libertà 78, via Libertà 107 e viale Rinascita 101, “è stato disposto ai titolari il divieto di vendere, o cedere a terzi, a qualsiasi titolo, bevande alcoliche in qualsiasi contenitore nonché bevande di qualsiasi specie in contenitori di vetro e/o lattine metalliche. Il divieto opera limitatamente nella fascia di orario pomeridiana-notturna, dalle ore 17 alle ore 7, tutti i giorni, dal 15 giugno al 30 settembre 2024”.

“Si tratta di provvedimenti che mirano a contenere, o comunque limitare il più possibile, all’origine, alcuni comportamenti reiterati che condizionano la vivibilità di alcune aree della nostra città. L’ordinanza è lo strumento a nostra disposizione per arginare e anche prevenire tutti quegli atteggiamenti scorretti e irrispettosi da parte della clientela che consuma le bevande, e poi abbandona i contenitori e sporca marciapiedi e bordo strada, compromettendo la sicurezza e il decoro cittadino”, ha commentato il sindaco Giacomo Ghilardi.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

La festa dei migranti accende la Crocetta. E contagia il quartiere

Articolo successivo

Carenza di cestini a Sant’Esusebio, una mano anonima li piazza nel parchetto

Un commento

  • Il decoro cittadino e il disagio dei cittadini riguardano innanzitutto lo sporco dei cani lasciati dai loro padroni ovunque,nei passaggi pedonali,ai pilastri delle case,ai pali della luce,vicino ai giochi dei bimbi,nei parchi dove le famiglie sostano eccetera
    Ci sono le aree cane ma tutta la citta’ e’ area cane.
    Mancano i cestini,la raccolta differenziata nei parchi e nei pressi delle scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *