23 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Il PD torna primo partito. Con i due ventenni “bomber” delle preferenze

Con il 28,1% il PD è il primo partito di Cormano. Il dato si riferisce alle elezioni amministrative dove i dem guadagnano rispetto alle europee (26,8%), dove sono finiti poco sotto Fratelli d’Italia al 27,4%. La sfida del comune è stata vinta ancora una volta dal centrodestra, con l’elezione del sindaco uscente Luigi Magistro, la sua lista Cormano Cresce ha rastrellato voti a partire dagli alleati e guadagnando il 21,5%. Fratelli d’Italia, alle comunali, scende al 13,5. Marco Pilotti, candidato del centrosinistra, sconfitto di soli 407 voti, guiderà la pattuglia dell’opposizione in consiglio comunale.

Ma la sorpresa è senza dubbio il Partito Democratico che torna ad essere il primo in città, seguendo la tendenza generale del Nord Milano e del capoluogo. Segnale incoraggiante per chi dovrà spendere i prossimi anni a fare opposizione. Anche perché il PD vince anche la gara delle preferenze, eleggendo cinque consiglieri comunali (di cui 4 under 40), che insieme prendono 1.025 preferenze, confermando un record mai registrato a Cormano.

Buono il risultato della segretaria dem Giorgia Musso (171 voti) e di Giordano Ghioni, già consigliere tra il 2014 e il 2019 (143 voti). La più votata è Paola Bracchi, alla prima prova in politica, è la seconda preferita dai cormanesi con 244 voti. Il primato spetta, come cinque anni fa, al presidente del consiglio comunale uscente Michele Viganò con 250 preferenze dello schieramento opposto. E poi ci sono le vere sorprese della partita, i due ventenni che per la prima volta entreranno in consiglio comunale: Samuele Cornelli con 239 voti e Diego Mascheroni con 228 voti. Risultato eccezionale alla prima esperienza, deciso segnale del gradimento dell’elettorato verso l’impegno dei giovani.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Quattro fermate M5 a Cinisello. Progetto approvato ma a rischio paralisi

Articolo successivo

Gli “Amici di Villa di Breme” ricordano Lord Byron

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *