24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Voci di giustizia: una mostra sull’assassinio di Giacomo Matteotti

Rapito e ucciso il 10 giugno 1924 da un gruppo fascista a causa delle sue denunce delle illegalità commesse dalla nascente dittatura di Benito Mussolini, Giacomo Matteotti rappresenta uno dei più coraggiosi oppositori di quel regime. A cento anni esatti di distanza dalla sua morte, Vittorio Rossin e Giuseppina Alessandro dell’Associazione Amici di Villa di Breme, in collaborazione con UniAbita, hanno allestito una mostra in ricordo della figura dell’allora deputato socialista del Regno d’Italia.

Nel Salone della Cooperazione di via I Maggio che porta il suo nome, nel giorno in cui si commemora la sua scomparsa, una ricca esposizione di estratti di giornali e documenti originali sugli avvenimenti del 1924 e successivi, fino al ritorno della democrazia in Italia, ha messo in evidenza i fatti salienti che portano al tragico evento. Secondo diversi storici il delitto è legato anche alle indagini di Matteotti sulla corruzione del governo, in particolare sulla vicenda delle tangenti della concessione petrolifera all’azienda Sinclair Oil.

Il corpo di Matteotti fu ritrovato circa due mesi dopo l’omicidio, il 16 agosto 1924. Malgrado i processi farsa durante il regime fascista, i depistaggi e le ricostruzioni alternative degli accadimenti, la storia ci ha consegnato la verità sul rapimento e sull’omicidio. Gli ideali di solidarietà e di uguaglianza emersi nell’instancabile attività politica dell’allora Segretario del Partito Socialista Unitario sono stati tramandati dalle generazioni nel corso di un secolo e sono oggi, nel ricordo del suo eroico esempio, più vivi che mai.

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista “Vitae”. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

Voto europeo. Il sindaco riconosce il risultato: “PD  primo partito”

Articolo successivo

Passerella pronta per la posa. Chiuderà viale Fulvio Testi, ecco quando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *