24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Spazi negati e tagli ai servizi pubblici. Il Collettivo 20092 torna in piazza

Tornano in piazza a Cinisello Balsamo gli autonomi del Collettivo 20092. Lo fanno sabato prossimo, 8 giugno, organizzando un pomeriggio di mobilitazione e gioco per i più piccoli in piazzetta del Sole, via Brunelleschi a Sant’Eusebio. Nel pomeriggio ci saranno laboratori aperti e gratuiti per i bimbi e un’assemblea pubblica sul “diritto alla città”, poi aperitivo e musica, a partire dalle 15.

“Negli ultimi anni una città intera si è svuotata e un territorio si è impoverito: stiamo parlando di Cinisello e del Nord Milano, quella cintura di hinterland che nonostante l’abbondanza di spazi ha visto progressivamente chiudere attività ricreative e culturali, luoghi a disposizione dell’associazionismo e dei percorsi spontanei di mutuo soccorso dal basso, così come lo sgombero delle esperienze di autogestione portate avanti dal Collettivo 20092”, dicono gli attivisti in una nota.

“In parallelo, sono i servizi pubblici che vengono tagliati e colpiti, in un’ottica sempre privatistica della città – non solo nel senso di privatizzazione, ma anche della gestione da parte della giunta Ghilardi, come se la città fosse un affare privato della destra”.

“Come Collettivo 20092 sentiamo la necessità di proporre un momento comune per parlarne e per affermare che quello dello spazio e della città pubblica è un problema urgente che ci riguarda tutt*, a prescindere delle differenze di approccio, attivismo e organizzazione che ci caratterizza: riprendiamo la parola, come abbiamo fatto negli ultimi tre anni, sul tema del diritto alla città e del diritto all’abitare. E lo vogliamo fare proprio a Sant’Eusebio, quartiere popolare tra i più colpiti dalla idea di malterritorio che ha in mente chi ci governa”, conclude la nota.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Annullata la Festa della Repubblica. E Cormano diventa un caso nazionale

Articolo successivo

Giochi, cene e karaoke. L’estate della Casa di Cittadinanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *