24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

“Incuria e abbandono a Cusano. Va riattivata la partecipazione attiva”

Carla Pessina, 65 anni, si candida a Cusano Milanino con una lista civica, “Noi per Cusano Milanino con Carla Pessina sindaco” che comprende il Partito Democratico, la lista civica “Cusano Milanino Ambientalista e Solidale”, dal Movimento 5Stelle e da una lista civica unitaria espressione di “Partito Socialista Italiano-PSI, Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana”.

“Mi ha convinto lo stato di decadenza in cui sta precipitando il mio paese. Dall’essere un luogo vivibile, accogliente e solidale sta diventando un luogo ”dimenticato” – esordisce così Carla Pessina – Questo è assolutamente visibile nelle sue componenti architettoniche, nell’incuria rispetto alla pulizia, nella poca attenzione alla manutenzione delle strade, marciapiedi ecc. Manca la partecipazione attiva dei cittadini, forse non offerta o forse non accolta. La candidatura pertanto l’ho accettata per questi motivi, per provare a ridare vita ad un paese che per me, ma anche per tanti altri, rappresenta la mia casa”.

Lei è un medico. Da segnalare che durante l’emergenza Covid portò da 12 a 44 i posti di rianimazione intensiva alla Asst di Rho. Infatti, dopo le sue prime esperienze professionali, giunse alla direzione di una Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione, fino a diventare il direttore dell’Asst Rhodense e (nel medesimo ambito dello stesso dipartimento) dell’Emergenza e dell’Urgenza.

Vi è poi da mettere in rilievo la sua collaborazione con Emergency, per la quale si è spesa con le missioni in Afganistan, in Sudan e in Sierra Leone.

Adesso è pensionata e ritiene di lavorare per recuperare quella Cusano Milanino una volta caratterizzata da una vivacità culturale e attrattiva anche per giovani di altre città vicine.

Alla domanda, se quel patrimonio e il modo d’operare sia recuperabile, pur restando in linea con i tempi attuali. La candidata sindaco del Centro Sinistra cusanese risponde così: “È certamente possibile migliorare lo stato attuale fornendo ai cittadini, giovani, anziani, famiglie, luoghi di incontro e condivisione, luoghi di aggregazione, luoghi per attività ludiche e culturali prima di tutto, il recupero dei numerosi spazi comunali attualmente non utilizzati o dimenticati. Si dovranno creare legami con fondazioni e associazioni e soprattutto legarci, anche dal punto di vista culturale al mondo esterno al nostro paese: università, città metropolitana, enti museali e tanto altro”.

In ogni caso il volto di Cusano Milanino è modificabile, specialmente per ciò che attiene all’accoglienza e l’integrazione “Va ritrovata la capacità di accogliere persone di provenienze diverse con storie diverse dalle nostre. Va cercata nella “conviavilità delle differenze”, come diceva Don Tonino Bello – sostiene con decisione – Accogliere la diversità per farne una ricchezza. Ovviamente dobbiamo mettere in campo condizioni in cui sia possibile anche la gestione della vita quotidiana con una particolare attenzione alla problematica caro-casa che, non essendo favorevole anche agli stessi giovani concittadini, determinano una migrazione verso soluzioni più avvicinabili ed un mancato arrivo di persone da fuori paese; non dimenticando inoltre i servizi alla persona, in particolare per i soggetti più fragili e in difficoltà”

Infine, in un momento nel quale le indicazioni governative tendono a ridurre le risorse per i comuni, appare conseguente una sana prudenza amministrativa. “Dal punto di vista economico non posso rispondere in questo momento non avendo una conoscenza diretta e profonda dello stato patrimoniale del Comune. Sicuramente, insieme alla componente economica, vorrei attingere alla componente sociale, alla partecipazione attiva che, se ben agita è un patrimonio di inestimabile valore da cui attingere”

Ivano Bison

Articolo precedente

Con le auto elettriche volano gli ordinativi per Geico di Cinisello

Articolo successivo

La giunta di destra cancella la festa del 2 Giugno. “Rischio strumentalizzazioni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *