24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

La Compagnia del Borgo in scena con “La guerra del Nanni”

Nata nel 1983 nell’ambito della parrocchia San Giuseppe nel quartiere Borgo Misto, da cui prende il nome, la storica Compagnia del Borgo torna sul palco del Cineteatro Pax per un doppio appuntamento. Sabato 18 maggio alle 21.00 e domenica 19 alle 16.00 il gruppo del regista Raffaele Moschella porta in scena “La guerra del Nanni”, una rappresentazione ispirata al romanzo “La grande guerra del sergente Lonardi” di Romano Lucio Zanon, tratto da una storia vera.

Il protagonista del racconto viene spedito al fronte, lasciando moglie e tre bambine a carico dei suoi poveri e anziani genitori. La Prima Guerra Mondiale stravolge la sua esistenza e quella della sua famiglia. Si ritrova in un reggimento tra i più martoriati del fronte e riesce più volte a salvare la propria vita. Agisce sempre valorosamente tanto da guadagnarsi la croce di bronzo e il grado di sergente. Nel 1917 durante una rischiosa missione viene fatto prigioniero e internato in un campo di detenzione in Austria, dove fame e freddo mietono quotidianamente vittime.

Una storia tragica che descrive il dramma di quel conflitto e porta a riflettere ai nostri giorni sulle atrocità della guerra, purtroppo, sempre attuali.

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista “Vitae”. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

Esonda il Lambro tra Sesto e Cologno. Disagi nel Nord Milano

Articolo successivo

Il sindaco social inciampa sui gessetti. Il suo post travolto dal dissenso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *