24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Stangata sui centri estivi. La protesta potrebbe estendersi ai genitori

Continua a fare discutere l’aumento previsto delle tariffe dei centri estivi per i ragazzi di Cinisello Balsamo. Si muovono le forze politiche di opposizione che denunciano la stangata ma si muovono anche i genitori dei ragazzi, che sarebbero pronti a chiedere un confronto con l’amministrazione comunale. Secondo quanto risulta a La Città, alcuni comitati genitoriali, già attivi nelle scuole cinisellesi, si starebbero organizzando per ottenere un cambio di rotta.

Si passa dai 79 euro a settimana per ragazzo ai probabili 130 euro. Un aumento vertiginoso che potrebbe mettere in difficoltà molte famiglie e non solo quelle già seguite dai servizi sociali del comune perché indigenti. Un aumento in parte causato dal taglio da parte del comune del contributo per coprire il costo del pasto, che da quest’anno dovrà essere pagato dalle famiglie.

Le tre associazioni (ITK, Centro Rugby Nord Milano e Asa) che hanno vinto il bando per gestire gli spazi per i centri estivi, concessi a titolo gratuito dall’amministrazione, dovranno far fronte anche al pagamento di animatori e istruttori sportivi specializzati mentre il comune coprirà le spese per garantire la presenza di operatori a sostegno dei ragazzi con disabilità. Un’impalcatura che rischia di non reggere.

Ed ora sono in molti a chiedere alla giunta di rivedere il tariffario e di intervenire con nuovi aiuti per rendere i centri estivi davvero sostenibili. La partita è appena iniziata e si preannuncia molto calda.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Le acconciature di Donatella e la sua sfida vincente

Articolo successivo

Elezioni Europee, ecco i candidati del PD nel Nord-Ovest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *