24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Nel bilancio avanzano 56 milioni. “Allora perché aumentare le tasse?”

Sono ancora una volta i soldi il terreno di scontro politico a Cinisello Balsamo, perché l’approvazione del bilancio e poi, solo de giorni fa, quella del rendiconto 2023 continuano ad agitare le acque. Dopo il tanto rumore sollevato dalla giunta di destra sul lodo-gas che peserebbe sui conti del comune, che si è detta costretta per mantener ei conti sotto controllo ad aumentare le tasse e le tariffe locali, il bilancio consuntivo sembra dire altre cose.

La giunta ha destinato all’acquisizione delle reti gas 2,3 milioni di euro in più rispetto a quanto stimato inizialmente e anche rispetto a quanto previsto all’interno del bilancio preventivo 2024, deliberato lo scorso gennaio. Un rendiconto che chiude con un avanzo di quasi 56 milioni di euro e circa 5 milioni di euro non vincolati ma liberi e disponibili.

Va all’attacco il PD che continua a ritenere infondati gli aumenti tariffari, alla luce del conto economico. “Questo rendiconto 2023 testimonia le prese in giro del centrodestra sulla vicenda del Lodo arbitrale Reti Gas con l’approvazione del bilancio preventivo 2024: l’aumento della TARI e di tutte le imposte locali ai loro massimali dall’IMU all’IRPEF è spropositato e immotivato; a fronte di milioni di euro liberi il Lodo arbitrale poteva essere gestito meglio, senza pesare sulle tasche dei cittadini” afferma il consigliere Alberto Galli. “Un gioco propagandistico irresponsabile, quello dell’Amministrazione, che per un pugno di consenso oltre alle tasse ha aumentato anche le disuguaglianze sociali.Le categorie più fragili hanno visto cancellarsi la soglia di esenzione IRPEF, prevista per i redditi fino a 10mila euro, e l’aumento delle tariffe per i Servizi Assistenziali Domiciliari (SAD) destinati ad anziani e disabili, passate da 2 a 7 euro con un aumento del +250%!”,conclude Galli.

Dopo mesi di allarmismo della maggioranza, alla resa dei conti si conferma l’ingiusto e oneroso aumento delle tasse comunali che poteva essere evitato attraverso l’applicazione dell’avanzo libero, dice una nota del PD.

“Questo bilancio ha beneficiato anche delle scelte del passato che grazie all’acquisizione delle reti gas hanno consentito di iscrivere a rendiconto le entrate dei canoni concessori. L’introito di questi canoni ha permesso alla giunta di acquisire le migliorie apportate dal gestore alle reti attuali nel periodo dal 2006 al 2018”- sottolinea il consigliere Ghezzi, che aggiunge: “ Il sindaco continua a raccontare una verità parziale e distorta, sempre smentita dai fatti, che tradisce la fiducia dei cittadini”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Villa Ghirlanda aperta da 50 anni. Storia di come il comune la “conquistò”

Articolo successivo

La visita a Villa di Breme con la poesia di Byron

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *