24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Settant’anni di cultura: buon compleanno al Cineteatro Pax!

Compiere settant’anni e non sentirli! Il Cineteatro Pax, la storica sala teatrale e cinematografica cinisellese in via Fiume, celebra proprio quest’oggi il suo 70° anniversario. È il 18 aprile 1954 la data ufficiale dell’inaugurazione della struttura che ha accolto generazioni di cittadini di ogni età, continuando a farlo nel corso degli anni.

Questa realtà è stata testimone dei cambiamenti del tessuto urbano e sociale nel corso dei decenni e oggi si presenta in forma più che mai. Raffaele Moschella, direttore del Cineteatro, informa che le celebrazioni ufficiali di questo importante anniversario si terranno il prossimo mese di settembre.

In attesa di questi festeggiamenti chiediamo ai nostri lettori di comunicarci qualche pensiero per narrare la loro “prima volta al Pax” oppure i ricordi della partecipazione a eventi con la presenza di personaggi illustri (potete scriverci a ). Ci piacerebbe mettere insieme questi racconti a testimonianza del rilievo del cineteatro nella storia e nella vita cittadina di Cinisello Balsamo.

Per restare informati sulle iniziative del Cineteatro Pax:
SITO WEB
PROFILO FACEBOOK
PROFILO INSTAGRAM

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista “Vitae”. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

Scioperi del ’44, nessuna celebrazione. “Ma l’antifascismo è nelle nostre radici”

Articolo successivo

Arriva il Taxi Sociale. Accompagna gratis le persone sole nei centri di cura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *