24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Salta l’incontro pubblico sul bilancio. “Viola le regole”, la destra lo annulla

Un incontro organizzato per il 18 aprile a poche settimane dalle elezioni amministrative per raccontare quanto la giunta di destra sia stata brava e competente a far quadrare il bilancio del comune di Cormano. Incontro che aveva come protagonista assoluto il vicesindaco plenipotenziario leghista Gianluca Magni, controfigura del sindaco “civico” Luigi Magistro, che con le urne imminenti reclama un riflettore in più per far bella mostra dei conti in ordine. Tanto per dire, a chi non lo sapesse, che in fondo, dietro e di lato, c’è sempre e ancora lui, il leghista della prima ora, il sindaco mancato, a tenere in piedi l’amministrazione. Anche perché alle urne questa volta la Lega in fase discendente dovrà fare i conti con la concorrenza incalzante dei Fratelli d’Italia e la corsa si fa assai ardua.

Peccato che la destra cormanese non abbia fatto bene i conti con la legge sulla par condicio, entrata in vigore l’11 aprile scorso in vista del turno elettorale, che impedisce agli amministratori di farsi propaganda con comunicati stampa e conferenze di vario genere. Così il PD ne ha approfittato per chiedere un parere al Corecom, il garante regionale delle comunicazioni, che ha convocato sindaco e controparte ad un confronto.

Il risultato è stato l’annullamento dell’evento avvenuto oggi stesso, secondo fonti bene informate, prima che la riunione avvenisse. Il labile confine tra informazione e propaganda politica, spesso ampiamente valicato dalla destra di governo, questa volta è stato fatto rispettare. Ma è stato necessario l’intervento di un’autorità garante.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Stangata sui centri estivi comunali, “da 79 a 130 a settimana per bambino”

Articolo successivo

Negozi, scuole e verde da salvare. Ecco la cura dell’ex primaria per Cusano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *