13 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

“Le impazienti” cosa significa essere donna in Camerun

recensione di Francesca Braga

Ramla, Hindou e Safira sono le tre protagoniste di questo intenso romanzo e raccontano in prima persona cosa significhi essere una donna camerunese. Ramla e Hindou sono due sorelle che ancora giovanissime, vengono date in sposa, contro la loro volontà, a uomini più grandi. Safira invece, è una prima moglie che, dopo vent’anni è costretta ad accettare, come co-sposa Ramla, la bellissima nuova moglie. Dopo il matrimonio le giovani spose entrano a far parte della concessione: una grande famiglia allargata in cui comanda il marito e bisogna sottostare alla prima moglie.

È un racconto commovente e molto forte, che fa luce sulla situazione della donna in una società patriarcale  e poligama, dove la disobbedienza implica l’esclusione sociale e la vergogna. L’unico modo per sopravvivere è sottomettersi senza reagire e avere pazienza. È proprio questa parola: Munyal (pazienza, intesa come accettazione) che viene ripetuta come un mantra nel romanzo e che si tramanda di madre in figlia, “perché è l’unico valore del matrimonio e della vita.”

Bellissimo romanzo ispirato alla vita dell’autrice Djaili Amadou Amal, scrittrice e attivista camerunese, che viene costretta, appena diciassettenne, a sposare un uomo cinquantenne, riuscendo però a divorziare cinque anni dopo. Successivamente si sposa un’altra volta e riesce ad abbandonare anche il secondo marito a causa delle violenze ricevute. Si trasferisce a Yaoundè dove conquista la sua indipendenza e realizza il suo sogno di diventare scrittrice.

Francesca Braga instagram fra_tanti_libri

Ivano Bison

Articolo precedente

“Lessici famigliari”, mostra itinerante contro gli stereotipi di genere

Articolo successivo

Il programma casa per casa. Così il candidato dem cerca la rimonta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *