14 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Telecamere e droni per analizzare il traffico (intenso) di Cinisello

Entra nel vivo l’iter per la realizzazione del nuovo Piano del Traffico Urbano di Cinisello Balsamo.

Da lunedì 11 marzo – fa sapere il comune – su tutto il territorio cittadino saranno effettuati i rilevamenti per ottenere dei dati sul traffico. Diversi gli strumenti che saranno utilizzati: telecamere, radar e droni, oltre a interviste dirette alla cittadinanza. Si tratta di attività di supporto necessaria per la redazione del PGTU, strumento per la definizione dello sviluppo futuro del sistema di mobilità a livello comunale. Le informazioni serviranno a quantificare i flussi di traffico veicolare in entrata, in transito o in particolari punti di snodo viario.

Le analisi prendono in considerazione differenti tipologie di veicoli (autovetture; furgoni e autocarri; autoarticolati e autotreni; autobus; moto; bici) e sono organizzate in modo tale da ottenere valori riferiti ad intervalli di tempo differenti in relazione al mezzo utilizzato per le rilevazioni. La campagna verrà sviluppata sulla base dei conteggi effettuati in presenza di rilevatori lungo la strada, in altri casi si procederà mediante videoriprese, utili soprattutto in caso di intersezioni complesse.

Sarà possibile anche avvalersi, per alcune postazioni, di riprese effettuate con drone. In questo caso si ha conto degli itinerari dei veicoli ma senza l’identificazione del veicolo in transito, come prescritto dalla vigente normativa in tema di privacy. Le interviste ai conducenti, infine, verranno condotte in forma totalmente anonima, e breve, utilizzando un questionario digitale, per ricostruire la domanda di mobilità generata sia dai residenti che dai non residenti. Gli automobilisti intervistati verranno campionati in corrispondenza di quelle strade di principale accesso all’area urbana.

Nel corso delle analisi, non mancheranno poi i rilievi della sosta rivolti a quantificare l’offerta complessiva di posti-auto ad uso pubblico esistente nonché la domanda. Nel loro insieme, le indagini previste consentono di fornire una rappresentazione sufficientemente precisa delle condizioni medie di circolazione sull’intera rete urbana principale e di distribuzione in un giorno feriale tipico.

Si tratta di una prima tappa che, potenzialmente, potrà essere replicata anche in diverse forme e metodi nel periodo di redazione del PGTU che verrà attuata nei prossimi mesi. Il PGTU è una delle componenti utili che sta alla base del PGT, essendo Piano di Settore fondamentale per le analisi urbanistiche e le scelte di competenza del PTG.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Due nuovi medici della ASST per l’ambulatorio di via Terenghi

Articolo successivo

Giornata della donna al centro Auser Costa. “Promuovere i diritti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *