14 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Piazza Gramsci vede la luce, “Entro fine anno il nuovo progetto”

Era rimasto nel cassetto della giunta per cinque anni il dossier sulla riqualificazione di piazza Gramsci a Cinisello Balsamo. Ma ora sembra che un progetto possa prendere forma e concretizzarsi netro la fine dell’anno. A garantirlo sono il sindaco Giacomo Ghilardi e l’assessora all’urbanistica Fabrizia Berneschi che annunciano, finalmente, di aver approvato in giunta le linee guida per l’atteso restyling.

Per farlo, assicurano i due amministratori, si è fatto ricorso ad un lungo iter di ascolto assembleare delle istanze di cittadini, associazioni e commercianti. Lavoro che il sindaco assicura essere stato fatto negli ultimi anni ma di cui non si ricordano momenti rilevanti. In ogni caso ora si procederà.

La nuova piazza sarà riqualificata seguendo alcune linee guida che la giunta sintetizza così:

L’attraversamento della piazza: ovvero l’individuazione di una direttrice principale, delineata da una nuova pavimentazione, che diventa un veicolo di socializzazione e connessione in grado di favorire l’interazione tra chi passeggia e gli spazi dedicati ai dehors, appositamente concepiti, delle attività commerciali.

Il verde e l’ombreggiamento: un complessivo ripensamento del verde con una maggiore attenzione alla permeabilità degli spazi e l’arredo con nuove sedute ombreggiate in modo da rendere l’ambiente adatto sia alla sosta che all’attraversamento.

Il nuovo sagrato: concepito come ambito protetto da valorizzare, con l’intento di migliorarne l’accessibilità e la fruibilità con nuovi accessi dalla viabilità esistente.

La piazza aperta: dotata di una nuova pavimentazione come tratto distintivo a copertura dell’attuale cemento stampato degradato, in cui verrà riproposto il disegno ovale della “perla” attraverso nuovi elementi di arredo urbano che possano adattarsi alle svariate attività che si svolgono nei diversi periodi dell’anno, da realizzare in modo innovativo e funzionale.

“Alla luce del fatto che abbiamo ereditato un progetto di riqualificazione che era stato calato dall’alto, non condiviso e stilato senza ascoltare il parere dei cittadini, abbiamo voluto partire da un lavoro di confronto. Attraverso il dialogo costante con i principali fruitori, con chi vive e opera in città abbiamo compreso le principali esigenze e definito le priorità. Sulla base di un indirizzo politico preciso, quindi abbiamo dato mandato al Servizio Urbanistica di redigere le linee guida”, queste le parole del sindaco Giacomo Ghilardi e dell’assessore all’Urbanistica Fabrizia Berneschi.  

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Sgombero di via Cremona, un anno dopo il Collettivo continua a vivere

Articolo successivo

Lodo-gas, impennata per Irpef e Imu. “Aumento ingiustificato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *