14 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

La giunta piazza quattro nuovi autovelox. Ma è scontro in consiglio comunale

Divampano le polemiche tra le forze politiche sul posizionamento di quattro nuovi autovelox installati in alcune strade di Cinisello Balsamo, considerate pericolose, tra cui via Gorki, dove ci sono stati 4 incidenti mortali negli ultimi anni. A contestare la scelta della giunta è il consigliere del PD Luca Ghezzi, che durante una commissione, ha chiesto una differente politica della sicurezza stradale. “Ho semplicemente affermato – spiega Ghezzi – che non si possono aumentare gli autovelox dentro il tessuto cittadino ma si può regolare la velocità aumentando la sicurezza istituendo le zone 30 tanto avversate dalla maggioranza di governo. Purtroppo, sono anni che chiedo il nuovo piano di governo del traffico. Forse lo vedremo in questa consigliatura.

Una posizione che ha fatto infuriare la destra che ha confezionato un comunicato al vetriolo contro Ghezzi, già oggetto della plateale richiesta di dimissioni in aula da parte dei consiglieri di maggioranza sulla vicenda del lodo-gas.

“Il Consigliere ha ripetutamente ribadito che la posa dei manufatti fosse finalizzata alla semplice riscossione delle sanzioni al Codice della Strada, questo dimostra una scarsa conoscenza delle richieste pervenute dai cittadini che a gran voce e per mezzo di petizione hanno chiesto che si intervenisse per ridurne la velocità di percorrenza”, afferma la destra nella nota.

“Il Consigliere Ghezzi dimentica che nel tratto interessato, dal 2021 ad oggi, hanno perso la vita due persone. In precedenza, sempre per le stesse ragioni e nello stesso luogo hanno perso la vita altre due persone. Le recenti considerazioni del Consigliere si ritiene che manchino completamente di rispetto nei confronti dei familiari delle vittime; pertanto, si invita il Consigliere a porgere loro le proprie scusa”, conclude il comunicato.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

La rassegna “C’era una volta il tramonto” continua all’Agorà di Cusano

Articolo successivo

“Basta armi Basta guerra”. La rete pacifista sabato in piazza Gramsci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *