14 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Quando la carta d’identità diventa un’odissea. Il caso Cormano fa discutere

Rinnovare la carta d’identità al comune di Cormano pare essere diventata un’odissea. Negli ultimi tempi sono molte le persone alle prese con un’incombenza che fino a qualche anno fa era cosa del tutto rapida ma che ora si è trasformata in un problema. Colpa della digitalizzazione del documento, dicono, che rallenta i tempi in ogni comune. Eppure pare che le lungaggini si concentrino su Cormano in modo particolare perché sono davvero tante e quotidiane le lamentele. Le testimonianze sui social non mancano. Ci vogliono in media tre mesi per ottenere un appuntamento per il rinnovo, il tutto dopo aver fatto la solita coda allo sportello oppure aver tentato di fissarlo con spid e per telefono.

Una signora si lamenta così in un forum sui social: “D’accordo rifare i documenti è sempre stata una scocciatura, ma ora è diventata una vera e propria odissea. Il primo appuntamento è dopo tre mesi, ma pur entrando con lo spid non riesco a confermare. Provo con un altro device e nulla… non va buon fine nemmeno lì. Provo il giorno dopo, prova mio marito insinuando la possibilità di una mia certa imbranataggine con la tecnologia, ma nulla!  Allora telefono all’ufficio anagrafe sperando in un aiuto e nulla… dopo circa mezz’ora di telefonate andate a vuoto, finalmente rispondono e mi dicono che mi devo recare di persona personalmente per prendere un appuntamento. E Ok … mi reco all’ufficio anagrafe martedì mattina intorno alle 10 e la porta dell’ufficio non si apre… leggo un cartello martedì chiuso!”

“Carta d’identità di mio figlio in scadenza ad aprile…primo appuntamento libero il 3 giugno”, scrive un altro utente. Altri paragonano i tempi di Cormano con quelli di Novate Milanese o con altri comuni dell’area dell’alto milanese dove sembrano davvero molto più rapidi. La sensazione diffusa è comunque quella della poca efficienza del servizio.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

L’irresistibile tiro-fotografico che fece storia all’Ufizi de Cinisell

Articolo successivo

La rassegna “C’era una volta il tramonto” continua all’Agorà di Cusano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *