16 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Lodo Gas, “Ghilardi non ha continuato ad accantonare ed oggi ci tocca pagare”

Sull’esito dell’arbitrato sulla proprietà delle reti del gas le polemiche non si placano. Tesissima la serata di ieri in consiglio comunale dove non sono mancate nemmeno le urla e dove il PD ha cercato di ricostruire la vicenda, alleggerendo le responsabilità del centrosinistra che amministrava all’epoca dei fatti. I dem hanno accusato il sindaco di aver fornito una ricostruzione parziale e soprattutto di non aver continuato ad accantonare le somme necessarie all’acquisto delle reti, come invece aveva fatto il centrosinistra.

Il Partito Democratico ha ribadito l’intuizione strategica delle giunte precedenti di acquisire la proprietà delle reti gas per garantire al comune un canone concessorio annuale, una scelta che ha permesso al comune di incassare finora 50 milioni di euro.

“È ovvio che oggi l’esborso di 20 milioni di euro mette in difficoltà il bilancio comunale ma semplicemente perché la giunta Ghilardi non ha continuato nella politica di accantonamenti iniziata dalle Amministrazioni che l’hanno preceduta”, scrivono i dem in una nota.

“Il Sindaco continua a nascondere “pezzi di verità” raccontando la vicenda in maniera incompleta e cercando di screditare le giunte precedenti accusandole di aver perso il lodo senza chiudere prima la partita ma la verità è ben diversa. Così come ben diversa è la verità su bilancio presentato ieri in aula in cui l’Amministrazione alza al massimo IRPEF e IMU dicendo che lo fa per pagare il valore del lodo che, però, risulta in realtà già coperto dagli accantonamenti presunti e dall’accensione del mutuo per la quota restante. Basta falsità, è ora che chi governa si assuma le proprie responsabilità”, conclude il comunicato.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Il lodo gas arriva in aula. Il dossier del PD agita la maggioranza

Articolo successivo

Qualità dell’aria a Cinisello Balsamo. “Puntare sulle mobilità dolce”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *