23 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Giorno del Ricordo, le celebrazioni del comune per i martiri delle Foibe

Si apriranno con la deposizione di una corona al giardino intitolato ai Martiri delle Foibe con il suo nuovo monumento in ricordo dei 350 mila esuli italiani di Istria, Fiume e Dalmazia le celebrazioni del Giorno del Ricordo il prossimo 10 febbraio alle 11 in via Martinelli a Cinisello Balsamo.

Ad accompagnare la deposizione della corona, gli interventi del sindaco Giacomo Ghilardi e di Lorenzo Galli, coordinatore regionale dell’Associazione Unione degli Istriani. Don Ampelio Crema guiderà il momento di preghiera con i canti eseguiti dal coro CAI diretto dal Maestro Giovanni Ferrari.

“L’impegno e la volontà dell’Amministrazione comunale di ricordare la tragedia degli italiani e delle vittime delle foibe insieme all’esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre durante la seconda guerra mondiale e nel dopoguerra, si rinnova ogni anno. Un dovere sottolineato anche con la dedica, quattro anni fa, del giardino a Norma Cossetto, studentessa universitaria istriana torturata e gettata in una foiba, seguito, nel 2021, dalla sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa con l’Associazione Unione degli Istriani per realizzare insieme iniziative di carattere culturale, didattico e formativo finalizzate alla diffusione della conoscenza delle vicende dell’esodo e delle foibe, soprattutto per le giovani generazioni”, si legge in una nota della giunta di centrodestra cinisellese.

A Cinisello Balsamo, del resto, sono presenti testimonianze di quello che accadde: come Pierino Buggini, profugo istriano. La sera di martedì 13 febbraio 2024, alle ore 21 presso l’Auditorium Falcone e Borsellino del Centro culturale Il Pertini, spazio all’incontro dal titolo “Foibe, isola gulag e marò trucidati: la storia dimenticata del confine orientale”. A condurre il dibattito Matteo Carnieletto, giornalista e scrittore con le testimonianze dirette di chi c’era e vive nella nostra città.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

“La portalettere”, il romanzo d’esordio di Francesca Giannone

Articolo successivo

Campanello d’allarme per il Pertini. “Manca la strategia per il rilancio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *