19 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Un dibattito sul sogno della “fratellanza umana”

Il 4 febbraio 2019 Papa Francesco e il Grande Imam di al-Azhar Ahmad al-Tayyb firmavano ad Abu Dhabi il Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune: un appello dalla portata storica per porre fine alle guerre e alla piaga del terrorismo e della violenza, specialmente quella rivestita da motivazioni religiose. Nello stesso anno anche a Sesto San Giovanni il Decanato e il Centro Islamico hanno sottoscritto quel documento, consegnandolo ai giovani, come “segno di impegni reciproco e verso la città”.

A cinque anni di distanza, le drammatiche vicende cui assistiamo interrogano in profondità quel testo e tutti noi: “la fratellanza umana” è destinata ad avere un sogno oppure è davvero l’unica medicina in questo tempo malato? Quali le strade da percorrere per recuperare, all’interno di società drogate di individualismo, la prospettiva di un “noi”? Le religioni sapranno davvero dare un contributo alla pace e alla riconciliazione tra le persone e i popoli? Cristianesimo e Islam, accanto all’Ebraismo e alle altre fedi, sapranno alimentare la speranza che, insieme, i popoli della terra possono costruire un futuro migliore?

Lunedì 5 febbraio 2024 alle 21.00 presso il Centro Culturale Islamico, in via Luini 1 a Sesto San Giovanni, si rinnova questo impegno ancora di più, per essere uniti e compatti per i diritti dell’uomo e per i diritti delle comunità con una serata promossa dal Decanato di Sesto San Giovanni e dal Centro Islamico di Milano Sesto insieme a Paolo Branca, docente di lingua e letteratura araba e di islamistica dell’Università Cattolica di Milano, e Abdullah Tchina, Imam del Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni.

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista “Vitae”. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

Cultura e spettacolo: gli eventi di febbraio nel Nord Milano

Articolo successivo

Yuri Maderloni eletto coordinatore del PD del Nord Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *