23 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Riprende la rassegna “C’era una volta il tramonto” all’Agorà di Cusano

Riparte la rassegna di musica alternativa C’era una volta il tramonto. Dopo aver chiuso l’anno con la partecipata data dei Cabrera, lo scorso dicembre, C1VT inaugura il suo 2024 con le diverse sfumature di rock targate Six Impossible Things e Lasties.

La serata, come sempre, sarà ospitata dal Circolo Agorà di Cusano Milanino e curata dal collettivo cinisellese sòfia crew, con il sostegno di 44 Sound Club e la media partnership di Booklet Magazine. L’ingresso è libero con tessera ARCI 2023/24.

I Six Impossible Things sono un duo di Lodi che mescola shoegaze ed emo, unendo le melodie delicate del dream pop alla potenza del post-rock. A settembre è uscito l’EP The Physical Impossibility of Death in the Mind of Someone Living, lavoro che vede il duo adottare per la prima volta un sound full band. [IG/FB/SPOTIFY]

I Lasties sono un trio milanese che punta a mescolare le carte in tavola dell’alternative rock. Nata nel 2020, la band ha all’attivo quattro singoli e fonde le influenze pesanti del metalcore a sonorità orecchiabili e pop. [IG/FB/SPOTIFY]

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista Vitae. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

Giornata della Memoria, ecco gli appuntamenti promossi da ANPI

Articolo successivo

Medici, case popolari e sicurezza. La propaganda non basta più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *