17 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

100 euro al mese l’affitto per l’ex Factory. Il comune cerca un nuovo gestore

Uno spazio molto apprezzato nel cuore del parco dell’Acqua di Cormano. L’ex Factory ha le serrande abbassate da mesi e mesi ed ora il comune, che ne è proprietario, cerca un nuovo gestore. E spera di trovarlo il prima possibile, visto che il locale ormai abbandonato rappresenta una spina nel fianco per la giunta di destra, alle prese nella prossima primavera con le elezioni amministrative. L’estate scorsa il parco restò senza il bar.

Così è stato recentemente pubblicato l’avviso pubblico per la gestione dei prossimi 15 anni (con diritto di recesso da parte del concedente se le cose non dovessero funzionare) di quello che fu prima un centro di aggregazione giovanile, poi un bar con ristoro esterno che offriva anche qualche serata musicale.

La base d’asta per il canone d’affitto annuale è di 1.200 euro, 100 euro al mese. Una cifra che pare simbolica vista l’opportunità di guadagno che un bar che affaccia su un parco ben frequentato potrà avere. Ma la commissione comunale, che dovrà assegnare il locale, terrà conto nel punteggio finale anche del progetto di riqualificazione degli spazi e degli impianti (che vale 25 punti nella valutazione complessiva). Si spera così di avere presto un nuovo gestore che migliori a sue spese l’aspetto interno ed esterno dell’ex Cag.

Sarà assegnato un punteggio rilevante anche alla bontà della proposta al pubblico: orario di apertura, servizi offerti, spettacoli e progetti socio-culturali specie se condivisi con l’amministrazione. Tuttavia il bando è aperto a tutti i soggetti, non solo alle tradizionali cooperative e associazioni che operano nel sociale ma anche ai privati. Erano in tanti a sperare che il nuovo bando riguardasse il rilancio di un nuovo centro di aggregazione giovanile, con il bar ma anche con progetti dedicati ai tanti ragazzi di Cormano.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Medici, case popolari e sicurezza. La propaganda non basta più

Articolo successivo

Il doppio incarico dell’assessora fa discutere. PD all’attacco: “Inopportuno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *