25 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Al comune mancano 3.6 milioni. Parte la caccia degli evasori di Imu e Tari

Circa 3,6 milioni di euro milioni di tasse locali non pagate a Cinisello Balsamo. Ed ora il comune va alla caccia del maltolto con una raffica di avvisi di accertamento destinati a persone e attività che non risultano in regola coi pagamenti. Mancano 2,2 milioni dai conti delle riscossioni sull’Imu e 1,4 da quelli sulla Tari.

“I Tributi sono una delle principali fonti delle entrate, servono a coprire il costo dei servizi erogati dal Comune, a garantirne il numero e la qualità e a rispondere ai crescenti bisogni che emergono dalla Comunità. Se ciascuno fa la propria parte l’ammontare degli stessi è distribuito in modo più equo su tutti i contribuenti”, spiega il comune in una nota.

Se la violazione non è ancora stata contestata, per sanare spontaneamente la propria posizione il cittadino può avvalersi del Ravvedimento operoso, che consiste nella possibilità di regolarizzare i versamenti omessi beneficiando di una notevole riduzione delle sanzioni. Con il Ravvedimento è possibile sanare tutte le posizioni fiscali non andate ancora in prescrizione, prima di essere formalmente avvisati di eventuali procedure di accertamento, senza i maggiori oneri che un avviso di accertamento comporta.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Concerto di Capodanno. Tutto esaurito al Pax per la Filarmonica Paganelli

Articolo successivo

Grande Parco, la lettera del sindaco e la corsa a rivendicarne il merito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *