24 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Emergenza casa, 71 alloggi popolari assegnati il prossimo anno

Saranno 71 le case popolari da assegnare ad altrettante famiglie a Cinisello Balsamo nel 2024. La Giunta comunale ha infatti approvato il piano relativo all’offerta di servizi abitativi pubblici e sociali riferita all’Ambito di Cinisello Balsamo, che ricomprende i comuni di Bresso, Cormano e Cusano Milanino. In tutto si tratta di 112 appartamenti, di cui 47 comunali e 65 di Aler.

A Cinisello Balsamo e Bresso inoltre si prevedono ambiti di trasformazione con vincolo di cessione gratuita di aree destinate ad Edilizia Residenziale Sociale. Attivate ancora due convenzioni con la cooperativa edificatrice Uniabita per il recupero e la destinazione di 40 alloggi.

“Tuttavia la disponibilità di alloggi pubblici non può coprire il bisogno abitativo, così sono state attivate diverse azioni: workshop a tema; il Progetto Coffee e Restart. Poi cohousing e il progetto “Spazi per l’abitare sostenibile” – spiega Riccardo Visentin, assessore al Welfare e Politiche abitative – Ci sono anche gli strumenti di contenimento della fragilità economica ed abitativa: Misura Unica e Misura Complementare. A Cinisello Balsamo, dal 2014, l’Agenzia per la Casa e due tipologie di contributi sull’abitare oltre a quello di solidarietà. Tra i progetti e reti territoriali, il Tavolo Povertà, il Social Market, gli sportelli digitali diffusi, il progetto Farmafamiglia. Infine il Tavolo Abitare Insieme che riunisce le Cooperative Edificatrici e i Servizi Immobiliari Martinelli di Cinisello Balsamo”.

Per l’analisi complessiva del patrimonio residenziale pubblico disponibile nei Comuni dell’Ambito si è provveduto a mettere insieme l’offerta di alloggi pubblici comunali e l’offerta di alloggi pubblici di proprietà di ALER. Il patrimonio residenziale ammonta a 1.859 alloggi, di cui 676 sono unità immobiliari gestite dai Comuni e 1.183 da ALER.

Naturalmente nel Comune di Cinisello si trova la quota più consistente di alloggi pubblici (1.163), più del 62% del patrimonio residenziale pubblico. La quota maggiore di alloggi (33,9%) è assegnata a persone sole, prevalentemente anziane, poi le famiglie con due componenti (29%), mentre le famiglie numerose con oltre quattro componenti rappresentano poco più dell’11%. I nuclei assegnatari con componenti stranieri non EU rappresentano il 16,7%.

Rispetto alla situazione reddituale delle famiglie si rileva che quasi la metà dei nuclei familiari (49,7%) si colloca nella fascia più bassa, quella classificata come “protezione” (ISEE fino a 10.035 euro).

La popolazione nei comuni dell’Ambito è cresciuta nel 2023 a 139.718 abitanti (+ 2.256). Gli stranieri (EU e non) rappresentano il 17,7% della popolazione, i minorenni sono 21.851, il 15,6% e gli anziani contano 35.541. Nel 2022, le famiglie erano 65.329, 25.000 mononucleari, 26.187 quelle con almeno una persona anziana e 10.900 mononucleari. I nuclei familiari con minori sono 13.875, prevalentemente con un solo figlio. Le famiglie con due minori (4.906) erano minoritarie (35%) e quelle con più di due figli minori rappresentavano poco più del 10%. In base al censimento ISTAT del 2019 le famiglie con alloggi di proprietà sono 44.159 (74,6%) contro le 15.022 famiglie in affitto (25,4%).

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Madri, figli e alla fine non si parla mai di paternità

Articolo successivo

Cultura e spettacolo: gli eventi di gennaio nel Nord Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *