20 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Panettoni sold-out, gli studenti del Mazzini festeggiano

Trecento panettoni già venduti ancora prima di andare in forno. E’ il boom per gli studenti del corso cuochi dell’istituto professionale Fondazione Mazzini di Cinisello Balsamo, che rinnovano la tradizione anche per questo Natale e mettono in commercio la lo principale delizia, che a quanto pare ha conquistato una fetta di mercato locale.

Grazie all’idea dello chef e pasticciere Maurizio Sanfrancesco, docente del corso per Operatori della Ristorazione, nel mese di dicembre il laboratorio di cucina si è trasformato in una bottega nella quale sono stati creati e sfornati circa 300 panettoni, venduti ad associazioni e aziende del territorio per trasformarsi in graditi doni natalizi. Un panettone completamente Made in Cinisello Balsamo che negli ultimi anni è diventato un vero “must have”, ossia un dono ricercatissimo perché considerato tra i più prelibati.

I panettoni nascono dalle attività didattiche del laboratorio di cucina dove gli allievi, nel mese di dicembre, diventano assistenti dello chef per dare vita agli impasti e per provvedere a tutte le attività di infornamento, rifinitura e confezionamento. Il panettone arriva sulle tavole con una confezione completamente brandizzata con il marchio della Fondazione Mazzini, trasformandosi in un gustoso biglietto da visita per le attività della scuola professionale.

“Si tratta di una consuetudine cominciata nel 2020 e che, anche grazie alla bontà del prodotto, sta diventando una tradizione molto attesa sia nell’istituto che all’esterno”, ha spiegato Pierangelo Gervasoni, preside dello storico istituto professionale. “Nulla più di un buon prodotto artigianale può rappresentare la passione e la professionalità che mettiamo nel nostro lavoro. Per gli allievi queste attività sono un importante momento di crescita. Siamo convinti che debbano essere sempre più coinvolti in queste attività che danno prestigio alla scuola e soddisfazione a tutti”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Sesto, 1976: la morte di Alasia, di Bazzega e di Padovani nel lucido ricordo dei parenti

Articolo successivo

La più giovane costituente che passò da Cinisello Balsamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *