20 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Bagarre sul disarmo nucleare, ora la destra attacca il PD

E’ una versione completamente opposta quella che la destra cinisellese presenta rispetto a quella della sinistra sui fatti accaduti in consiglio comunale lo scorso 4 e di quello dell’11 dicembre. Il tema all’ordine del giorno era il disarmo nucleare, enorme questione portata in aula dall’opposizione di centrosinistra sull’onda di una mozione espressa da 14 associazione e del Decanato di Cinisello Balsamo.

Secondo i partiti di maggioranza la responsabilità del naufragio di una mozione comune è tutta del PD, che invece imputa alla destra di aver riempito di emendamenti il testo e poi di aver abbandonato l’aula per impedire il voto lo scorso 4 dicembre.

Nella seduta successiva il testo è tornato in aula ma è stato il PD a ritirarlo dopo che la destra ha aggiunto un emendamento che, a detta dei dem, disimpegnava la giunta sul tema in oggetto. “Il Partito Democratico locale ha compiuto un’ulteriore figuraccia ritirando il proprio ordine del giorno sul disarmo nucleare, evidentemente per evitare di esprimersi con il voto. Questo comportamento dimostra, ancora una volta, l’incapacità dell’opposizione locale di affrontare temi cruciali con la necessaria profondità e conoscenza, preferendo frasi vuote, strumentalizzazioni e azioni prive di significato”, scrive il centrodestra in una nota unitaria.

“Il dibattito verteva sul disarmo nucleare, una questione condivisa da tutti ma che richiedeva un approfondimento più accurato, a cui la minoranza non è stata in grado di rispondere adeguatamente, ancorata a posizioni chiaramente ideologiche e speculative, prive di sostanza. Nonostante un apparente tentativo di collaborazione da parte dell’opposizione finalizzato a trovare soluzioni comuni, è emerso un repentino ritiro dell’appoggio al momento del voto, mettendo da parte il bene della città. La scorsa settimana, dopo aver teso loro la mano per avviare un percorso di riflessione, la minoranza ha deciso impulsivamente di ritirare il documento dopo oltre due ore di consiglio”, afferma la nota.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Rifiuti tutto l’anno, quel lembo di viale Brianza che non trova pace

Articolo successivo

Viaggio a Mauthausen, consiglio comunale aperto al liceo Casiraghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *