24 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

A Monza una mostra dedicata a Manzoni con gli “Amici di Villa Breme”

In occasione del 150° anniversario della morte di Alessandro Manzoni la Biblioteca Civica “Beppe Colombo” di Monza (via Padre Reginaldo Giuliani, 1) ha promosso una mostra a cura dell’Associazione Culturale cinisellese “Amici di Villa Breme Forno”, fondata un paio di mesi fa dai coniugi Giuseppina Alessandro e Vittorio Rossin, appassionati esperti di storia e di arte.

La rassegna, inaugurata lunedì 4 dicembre, è stata allestita in sala studio e mette in evidenza libri e dipinti dell’autore dei Promessi Sposi. Tra i materiali esposti è presente anche un’edizione del 1840 del celebre romanzo, corredata dalle illustrazioni del pittore e incisore Francesco Gonin.
La mostra può essere visitata fino al 15 dicembre in orario di apertura della biblioteca. Prenotazioni tramite l’app C’è Posto o telefonando in biblioteca al numero 039 382272, con la possibilità di effettuare anche visite guidate, concordando data e orario.

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista Vitae. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

Armi nucleari, i dem attaccano : “Ghilardi ripensaci”

Articolo successivo

La mostra collettiva “20×20 = 400 Emozioni” al Centro Culturale Click Art

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *