22 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Contrassegno disabili, cambiano le regole per ottenerlo. Ecco quali sono

Cambiano le modalità per richiedere e ottenere il contrassegno disabili per le auto a Cinisello Balsamo. Dal 1° novembre l’istanza di contrassegno disabili unico europeo (CDUE) si presenta esclusivamente online occorrerà autenticarsi con l’utilizzo del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) o con Carta di Identità Elettronica (CIE), CNS o CRS.

Questa modalità – spiega il comune in una nota – ha il vantaggio di ridurre al minimo il margine di errore durante la presentazione della domanda, evitando lungaggini nella fase di rilascio dell’autorizzazione. Inoltre ci sarebbe una maggiore garanzia della conservazione e della protezione dei dati personali che, in questo caso, possono essere inquadrati nella categoria “dati particolari” come disposto dal Reg. UE 679/2016.

Una volta autenticati, si potrà fare richiesta per sé stessi oppure per il minore di cui si esercita la potestà genitoriale o per la persona maggiorenne di cui si è tutore o delegato. L’iter consente di allegare tutta la documentazione necessaria. Ogni altra forma di presentazione dell’istanza non sarà presa in considerazione.

Il Contrassegno viene rilasciato dalla Polizia Locale alle persone invalide che hanno una deambulazione sensibilmente ridotta e ai non vedenti, esso autorizza la sosta dei veicoli negli spazi riservati alle persone invalide, appositamente attrezzati e segnalati e la sosta libera nelle aree a pagamento. Inoltre permette la libera circolazione nelle aree a traffico limitato e nelle aree pedonali urbane per effettuare servizi di pubblica utilità e la circolazione nelle corsie riservate in cui sia autorizzato l’accesso anche ai taxi.

Il contrassegno è strettamente personale ed ha valore su tutto il territorio nazionale e comunitario. È indispensabile durante gli spostamenti del disabile con autoveicolo, anche se condotto da altra persona. Se l’invalidità è permanente l’autorizzazione ha validità per 5 anni, altrimenti è pari alla durata del periodo di invalidità attestata dalla certificazione dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di appartenenza.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Polemica sul minuto di silenzio. “Non una parola per le vittime palestinesi”

Articolo successivo

“Assistenza medica non garantita”. Polemiche sul Centro Anziani Polivalente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *