21 Maggio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

C’era una volta il tramonto, all’Agorà di Cusano

Riparte dal prossimo 27 ottobre la rassegna mensile di concerti che aveva visto luce nel 2019, con la partecipazione di band come Discomostro, Menagramo, LineOut, Rejoyce/Rejoice, Youngest, Aurevoir Sòfia, e costretta a interrompersi a causa della pandemia. C’era una volta il tramonto, questo il titolo della serie di eventi ospitata dal Circolo Agorà di Cusano Milanino (via Monte Grappa 27) e curata dal collettivo cinisellese sòfia crew, prevede live di artisti della scena alternativa seguiti da un DJ set con selezione di musica che spazia tra rock, emo, indie, punk e pop punk.
Il terzo appuntamento di C1VT è un confronto generazionale tra due band che guardano al crappy punk rock di stampo blink-182: i veterani The Enthused e le nuove promesse Lillians. L’ingresso è gratuito con tessera ARCI 2023-24 (qui è possibile effettuare il pre-tesseramento).
The Enthused è una band punk rock/hardcore melodica di Codogno (LO) attiva dal 2010 e ormai storica nel panorama underground italiano. Con tre album all’attivo, nel 2023 hanno pubblicato i singoli Blondie e Breakups. [IG/FB/SPOTIFY]

I Lillians sono un trio romagnolo di recente formazione che segue la scia del punk rock/pop punk californiano. Hanno pubblicato i singoli Move On e So, So Long. In autunno uscirà il loro album di debutto I Wish I Lived This Life. [IG/FB/SPOTIFY]

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista “Vitae”. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

“Assistenza medica non garantita”. Polemiche sul Centro Anziani Polivalente

Articolo successivo

“Gli slogan del sindaco non bastano più”. Sesto ora ha davvero paura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *