13 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

La storia locale in un murale sulla cinta di Villa Ghirlanda

La storia locale in un murale realizzato con la consulenza speciale degli studenti. Venerdì prossimo, il 20 ottobre, sarà inaugurata l’opera dello street artist Marco Ceroli sul muro di cinta di Villa Ghirlanda, in via Meani, accompagnata da una mostra permanente su alcuni dei personaggi che fanno parte della storia e dello sviluppo di Cinisello Balsamo.

L’opera, finanziata dal Comune di Cinisello Balsamo, rientra nel progetto educativo “Forme e Modi dell’abitare sostenibile – La piazza delle Memorie” come da Accordo sottoscritto tra il Comune di Cinisello Balsamo e le Cooperative Uniabita, Diaz e La Nostra Casa – attualmente consorziate in CoCEC (Consorzio Cooperativo Edificatore Cinisellese) che ha come obiettivo quello di contribuire all’educazione al patrimonio culturale e naturale facendo conoscere la vita e le azioni di alcuni illustri personaggi che, nel tempo e in vari ambiti, hanno contribuito sia alla valorizzazione della città e del suo territorio sia al benessere dei suoi cittadini. Una riflessione su due tematiche estremamente attuali e di interesse per le giovani generazioni.

Così, la realizzazione di questo murale ha coinvolto, attraverso l’arte, gli studenti che si sono prima dovuti documentare e poi hanno dovuto trasporre quanto appreso in iniziative di rinnovamento e valorizzazione del territorio, passando dalla ricerca all’azione. Diciassette le classi delle scuole primarie e secondarie di I grado degli Istituti comprensivi Zandonai (classi 4A, 4B, 5A, 5B), Costa (classi 5A, 5B, 5C), Garibaldi (classi 3A, 3B, 3C) e Marconi (classi 1C, IE, IF, IG, 2C, 2F, 3B) che hanno collaborato.

“Con questo murale rendiamo Cinisello Balsamo più bella, una realizzazione frutto di un progetto educativo condiviso. Dalla mano di uno street artist e dallo sguardo di giovani studenti una creazione da proporre alla vista di tutti. Dall’impegno corale e nasce insomma un’opera che arriverà ai cinisellesi di domani per raccontare cosa è stata e cos’è la nostra città”. Ha detto il sindaco Giacomo Ghilardi.  

“Prosegue il progetto interdisciplinare voluto dal Comune per valorizzare la storia cittadina attraverso linguaggi moderni dell’arte, come i murales, che tanto piacciono ai giovani. Un altro muro di Cinisello Balsamo viene valorizzato da una creazione artistica che parla del passato ma con un linguaggio moderno. Un nuovo modo di coinvolgere gli studenti per fargli conoscere la storia da comunicare attraverso l’arte“.Hanno commentato gli assessori Maria Gabriella Fumagalli (Istruzione, Formazione, Educazione e Infanzia) e Daniela Maggi (Cultura, Identità, Politiche giovanili).

Redazione "La Città"

Articolo precedente

I libri e le questioni di cuore. Sara Rattaro: “Un privilegio emozionare i lettori”

Articolo successivo

“La giunta? Un problema complesso la manda in tilt”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *