20 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Il comune fuori dalle reti anti-discriminazione. La politica reagisce

Continua a fare scalpore la decisione della giunta di centrodestra di Cinisello Balsamo di recedere da due convenzioni che impegnavano il comune rispettivamente a partecipare al Coordinamento per la Pace e alla Rete contro le discriminazioni sessuali e di genere. Una decisione che alza il livello di scontro tra maggioranza e opposizione, anche perché l’adesione della città alle due iniziative, che coinvolgono centinaia di comuni, è datata e mai stata messa in discussione.

La Rete “Coordinamento per la Pace in Comune” è nata in Italia nel 1986 per promuovere l’impegno dei Comuni, Province e Regioni italiane per la pace, i diritti umani, la solidarietà e la cooperazione internazionale. Tra sue le principali attività ci sono la promozione dell’educazione permanente alla pace e ai diritti umani nella scuola, l’organizzazione della Marcia per la pace Perugia-Assisi e delle Assemblee dell’Onu dei Popoli, la promozione della diplomazia delle città per la pace, il dialogo e la fratellanza tra i popoli, l’impegno per la pace in Medio Oriente e nel Mediterraneo, la costruzione di un’Europa delle città e dei cittadini, strumento di pace e di giustizia nel mondo.

La Rete “Re.A.DY. – Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni anti discriminazione per l’orientamento sessuale e l’identità di genere” è nata a Torino nell’ambito del Pride nazionale del 2006. Riunisce rappresentanti istituzionali di più di 300 pubbliche amministrazioni, tra Regioni ed Enti Locali da tutta Italia. La RE.A.DY offre alle amministrazioni locali uno spazio di condivisione e interscambio di buone prassi finalizzate alla tutela dei diritti umani delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender) e alla promozione di una cultura sociale del rispetto e della valorizzazione delle differenze.

L’Italia, secondo il Rapporto ILGA-Europe del 2023, si colloca solo al 34° posto tra i 49 Paesi europei per quanto riguarda i diritti delle persone LGTB e questo lo rende uno dei Paesi meno sicuri per una parte importante dei suoi cittadini. Sono fatti di cronaca frequenti, purtroppo, i fenomeni di bullismo nelle scuole, le aggressioni verbali e fisiche, le discriminazioni nei luoghi di vita, di lavoro, nello sport

Sgomento da parte del PD che in una nota si dice “senza parole”. Qualche parola invece la trova la consigliera dem, Paola Gobbi: “Sembrerebbe che valori universali quali pace, dialogo e fratellanza e la tutela dei diritti costituzionalmente garantiti a tutti, senza distinzione di sesso, di razza (etnia) lingua, religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” (art. 3 della Costituzione) siano solo belle parole per questa Giunta, senza tradursi in azioni concrete, sulla scia di quanto già fatto da altre Amministrazioni di centro destra sia a livello nazionale che locale. Prova ne è che strategie di sensibilizzazione avviate nel nostro Comune in passato, quali iniziative culturali come lo spazio per la letteratura LGTB presso la Biblioteca Pertini – tra l’altro frutto di una donazione privata – o educative presso le scuole, quali un progetto per gli insegnanti per educare gli studenti all’inclusione, siano state cancellate già nel 2018”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Genitori e insegnanti in piazza per salvare la scuola Anna Frank

Articolo successivo

Scuola in piazza contro Entangled. “Anna Frank a rischio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *