24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Pace e Diritti, la giunta Ghilardi si scansa dal senso civico

La giunta di Ghilardi, allineata con le nequizie che la destra sta moltiplicando su molte delle cose riguardanti la nostra civile convivenza, ha deciso con atto ufficiale di rescindere il rapporto con il Coordinamento per la Pace in Comune, inoltre ha abbandonato la Rete Nazionale dei Comuni contro le discriminazioni per l’orientamento sessuale e l’identità di genere. Con ciò la destra cinisellese, svaluta un impegno assai importante. Su temi di carattere così coinvolgente lo stesso connotato dell’essere “civico” dovrebbe informare, Ghilardi e i suoi, sugli aspetti che riguardano l’autonomia del pensiero. A quanto pare, non intendono avvalersene. Meglio andare sul sicuro e amplificare le grida provenienti da palazzo Chigi.  

Se tutto ciò passasse, riducendolo alla routinaria normalità amministrativa, sarebbe una forte offesa alla sensibilità democratica di cui può portare vanto la città di Cinisello Balsamo. Lo sarebbe poiché verrebbe da coloro, Sindaco in testa, che manifestano ecumeniche intenzioni d’apertura e d’ascolto rivolte all’ insieme della comunità locale.

Si tratta di bugie e malcelati tentativi a fagocitare i cittadini. Lo fanno sotto l’ingannevole insegna delle “porte aperte” quando, viceversa, solo pochi mesi fa essi stessi sono andati a bussare dai cinisellesi chiedendo voti per una lista civica. L’opposizione denuncia che le motivazioni della scelta di scansarsi dai diritti non sono note, ma si possono intuire. Il “me ne frego” di fronte ai diritti, tra gli altri quelli delle persone LGTB, nonché a tutte le altre componenti inclusive (tanto necessarie in una società in continuo movimento) evidenzia quanto sia urgente un’aperta battaglia.

Potrebbe anche sembrare una chiamata troppo ideologica. Fuorviante penseranno quelli che amano la concretezza. Ricordiamo, che esiste anche una necessità sociale che va oltre il degrado urbano ed è quella di non arretrare davanti al decadimento della dignità civile. C’è da chiedersi cosa attendano ancora le opposizioni per aprire un fronte, attestandovi partiti e associazioni progressiste contro la fuga dalle responsabilità operata, con questo atto, dalla giunta che governa Cinisello Balsamo.

Ivano Bison

Articolo precedente

Barriere architettoniche e marciapiedi poco sicuri. Partono i lavori, ecco dove

Articolo successivo

Giardino di Cascina Nigozza. Chiuso a tempo indeterminato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *