22 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Assegni di studio dal comune, ma solo ai più meritevoli

E’ il merito il parametro indiscutibile, deciso dal comune di Cinisello Balsamo, per attribuire alcuni assegni in denaro a studenti residenti in città. Così, a spartirsi 17.900 euro stanziati e suddivisi in 39 premi, ci saranno solo e soltanto i più bravi, quelli che hanno dimostrato, voti alla mano, di volare. Per tutti gli altri, anche se volenterosi, se ne parlerà un’altra volta. Forse.

A parità di voti, i soldi andranno a chi ha il reddito più basso con la prova dell’Isee. Possono partecipare ai bandi gli studenti che hanno tra i requisiti la residenza a Cinisello Balsamo e il diploma conseguito nell’anno scolastico 2022/23 con valutazione non inferiore a 9/10 per le scuole secondarie di 1° grado, 90/100 per le scuole secondarie di 2° grado e non inferiore a 105/110 per il diploma di laurea magistrale.

Le domande di partecipazione ad entrambi i bandi possono essere presentate solo on line, sul sito del Comune di Cinisello Balsamo, fino alle ore 10 del 27 ottobre 2023.

“L’Amministrazione Comunale continua ad investire sul futuro dei suoi cittadini più giovani e virtuosi con l’assegnazione di borse di studio per il merito scolastico – così Maria Gabriella Fumagalli, assessore all’Istruzione e Formazione – l’iniziativa contribuisce a diffondere la consapevolezza che l’istruzione e la cultura sono strumenti di crescita, evoluzione e progresso per tutta la cittadinanza. I nostri ragazzi sono la speranza e l’orgoglio della città. È anche grazie alla generosità dell’associazione AVIS Comunale di Cinisello Balsamo e della Famiglia Cesarano, che possiamo supportare i più meritevoli nella continuazione degli studi affinché possano aspirare all’eccellenza, non solo nel percorso accademico, ma anche nella vita professionale, con particolare attenzione all’ambito sanitario più che mai in primo piano nella nostra società”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Giochi da tavolo. Al Pertini al via la kermesse per gli appassionati

Articolo successivo

Dal 1° ottobre in 27 senza lavoro. La crisi di Gran Casa arriva in consiglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *