22 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

L’allarme clima? “Terrorismo psciologico”. Intanto Sesto conta i danni

“Stiamo lavorando affinché la situazione torni alla normalità. Ringrazio tutti coloro che anche oggi hanno dato il loro contributo instancabilmente per la salvaguardia dei cittadini, risolvendo le criticità con grande prontezza e riducendo i disagi per la cittadinanza”. Lo scrive il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano sui social, mentre illustra i danni dei violenti nubifragi che fino all’alba di oggi non hanno risparmiato la città, con alberi abbattuti, tetti divelti e allagamenti.

Anche per Di Stefano, che non perde l’occasione per una foto ricordo situazionista con tanto di felpa della protezione civile mentre i volontari sono al lavoro, così come per il suo collega leghista di Cinisello Balsamo, il fenomeno atmosferico che ha piegato il Nord Milano rientra nella straordinarietà. Nessun accenno da parte sua al cambiamento climatico ma soltanto un generico richiamo a “criticità metereologiche” a cui prestare la massima attenzione.

D’altra parte nel suo profilo social, Di Stefano è perfettamente in linea con chi nega che sia in atto una crisi climatica. Qualche tempo fa, nel commentare il gran caldo, elogiò lo sfogo del meteorologo Giuliacci che definiva il caldo record una bufala. “Bravissimo il colonnello che distrugge la fake news dei media sul clima. Basta fare terrorismo psicologico, spaventando sempre più gli anziani”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Ancora un nubifragio. In pochi minuti alberi abbattuti e allagamenti

Articolo successivo

Il cambiamento climatico c’è, da ciechi negarne l’evidenza

Un commento

  • Mi piace quella degli “anziani”.
    Piuttosto offensiva perché ne fa una categoria a cui si può facilmente “raccontarla”.
    Vorrebbe creare così un conflitto generazionale oltre a quello politico?
    Insomma, W le tifoserie e no alla scienza e conoscenza.
    Mi sembra un ritratto piuttosto rappresentativo di questa destra becera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *