28 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

“Nel vecchio PGT regole difficili per i privati. Ora si cambia”

E’ iniziato ufficialmente il percorso che porterà alla redazione del nuovo Piano di Governo del Territorio. L’approvazione in giunta delle linee guida apre l’iter del documento più atteso per Cinisello Balsamo. L’obiettivo è quello di dare una visione della città del futuro. Ma, secondo il sindaco Ghilardi, tutto dovrà essere fatto con regole meno complicate che favoriscano gli investimenti dei privati.

“Le Linee Guida sono un atto strategico che punta a segnare una discontinuità con il passato e a smantellare un vecchio modo di fare urbanistica che ha creato problemi di varia natura, andando a cambiare le regole”.

Poi Ghilardi spiega: “Siamo partiti dalla constatazione che l’unico progetto approvato, dei tanti previsti nelle aree di trasformazione individuate nel PGT fino ad oggi in vigore, è quello che interessa l’area dell’ex CF Gomme, nessun altro è stato realizzato. Questo dimostra evidentemente che le regole previste erano di difficile comprensione e attuazione per gli operatori privati. Fino ad oggi abbiamo lavorato su una proroga del PGT per ragioni tecniche, in attesa delle nuove regole di Città metropolitana sul consumo di suolo, ma principalmente per evitare che tutto quello che era stato deciso potesse sfociare in contenziosi. Ora però si cambia”.

Le parole chiave del nuovo PGT saranno dunque semplificazione e meno burocrazia per realizzare quelli che sono stati dichiarati come obiettivi strategici: maggiore possibilità di investimento, valorizzazione paesaggistica, attenzione all’ambiente e sostenibilità, sviluppo delle attività produttive e promozione della città pubblica.

“Si comincia l’iter che ci porterà al nuovo PGT all’insegna della novità. Partiremo prima di tutto dalle esigenze vere del territorio e dei cittadini, lo costruiremo in modo trasparente, con il metodo del confronto con i cittadini e le categorie interessate, come sempre questa Amministrazione ha dimostrato di fare – queste le parole dell’assessore al Governo del Territorio Fabrizia Berneschi -. Sicuramente tra le priorità c’è l’attenzione per le aree pubbliche, i parcheggi, anche in vista dell’arrivo della Metropolitana, il verde e l’ambiente. Punto fermo sarà l’abbattimento del consumo di suolo e quindi si interverrà solo per recuperare e valorizzare l’esistente. Una delle novità più significative presenti nelle Linee Guida è la scelta di non applicare più la regola del cosiddetto volo-atterraggio, ovvero quella di non dare più la possibilità di trasferire i diritti edificatori di una certa area su un altro suolo. Questo per tenere meglio in considerazione le esigenze dei singoli quartieri”.

I passi che seguiranno saranno la redazione di Piani specifici di Settore, tra questi il prossimo ad essere approvato prima dell’estate è il PGTU, ovvero il Piano relativo alla viabilità. Poi si proseguirà con la redazione del PGT vero e proprio, che richiede la valutazione ambientale da parte degli Enti territoriali interessati, prima della sua adozione, e poi partirà la fase delle osservazioni da parte dei cittadini e di tutti i portatori di interessi.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Una nuova commissione per la Crocetta, la destra boccia l’idea

Articolo successivo

Milano-Limbiate, la corsa contro il tempo per la tranvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *