29 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Anna Frank, Ghilardi: “Ascoltiamo la scuola, basta strumentalizzazioni”

Continua l’azione di monitoraggio del Coordinamento Crocetta rispetto al contestato progetto Entangled che ricordiamo, presentato in Regione Lombardia da questa amministrazione ha permesso di vincere un bando di 15 milioni di euro e che ruoterebbe intorno all’abbattimento della Scuola Anna Frank. Molte le perplessità sollevate dal coordinamento per il timore che i servizi di quartiere (Scuola, Consultorio, Centro Giiovanile) venissero delocalizzati.

“Ancora una volta dobbiamo fare alcune doverose precisazioni per sgomberare il campo da strumentalizzazioni- specifica il Sindaco Ghilardi – Non si può non notare il paradosso del Coordinamento Crocetta che nel suo comunicato esulta per la notizia della scuola che non verrà abbattuta e nello stesso tempo si preoccupa di ciò che viene riportato nelle Linee guida del PGT”.

Per fare chiarezza, Ghilardi si riferisce a un video girato sui social nei giorni scorsi in cui un consigliere comunale PD esultava per la vittoria dello scampato pericolo dell’abbattimento dell’istituto ed al recente comunicato stampa in cui il Coordinamento Crocetta esprimeva preoccupazione per le linee guida in questi giorni depositate, identiche alle originali in cui si ventilava l’abbattimento della scuola.

“In questo primo mese della nuova Amministrazione, alla luce della proposta pervenuta dall’Istituto comprensivo Paganelli, in particolar modo dal Dirigente scolastico Leo e dai genitori rappresentanti del Consiglio di Istituto- continua Ghilardi- abbiamo avviato un tavolo di lavoro tecnico per fare degli approfondimenti circa la soluzione proposta. Soluzione che riteniamo valida, ma che necessariamente va vagliata da un punto di vista tecnico ed economico per verificarne la fattibilità nell’ambito del progetto Entagled. Parallelamente stiamo cercando di fare sintesi tra tutte le osservazioni pervenute e le soluzioni alternative. Ma con un punto fermo: mantenerci nei limiti di spesa dei 15 milioni di euro. Al momento però le modifiche in termini progettuali non sono ancora pronte. Appena possibile verranno condivise con il quartiere, prima ancora di essere presentate in Regione per la modifica della convenzione.”

Il Sindaco si dice disponibile a condividere i risultati della valutazione in corso ma al tempo stesso invita a “mettere la parola fine alle strumentalizzazioni, ai comunicati che creano confusione, a ipotesi inventate o a racconti per sentito dire. Tutto quello che uscirà come proposta verrà sempre condiviso. Chi vuole confrontarsi seriamente sa che ci sono le sediopportune per farlo”.

Non manca il Sindaco di rivolgere una sottile nota sarcastica a “Chi ritiene che le Linee guida del PGT dovessero contenere l’aggiornamento delle azioni di Entangled dimostra di non conoscere le procedure e gli atti. Linee Guida e documento di Entangled – spiega Ghilardi – sono due elementi distinti. Le linee guida approvate dalla Giunta sono un atto amministrativo di indirizzo, in vista della redazione del nuovo strumento urbanistico del PGT. L’obiettivo delle Linee guida non è quello di entrare nel dettaglio dei progetti ma di dare una visione della città del futuro e di stabilire delle regole per il suo sviluppo. Le linee guida servono a indicare la vocazione di determinati ambiti. Sono un atto strategico che punta a creare una discontinuità con il passato e smantellare un vecchio modo di fare urbanistica che ha creato molti problemi di varia natura, andando a cambiare le regole. Quanto al documento di Entangled potrà essere aggiornato solo contestualmente alle modifiche di progetto e non è in alcun modo collegato alle linee guida”.

“Non sarà più disponibile ad accettare provocazioni – prosegue Ghilardi “ Chi solleva inutili allarmismi – dimostra di avere altri interessi che non sono certo quelli di rappresentare le vere esigenze del quartiere Crocetta, oltre a non considerare l’enorme lavoro che la scuola e i genitori hanno fatto. È evidente che c’è qualcuno che vuol mettersi in luce e dimostrare di avere un ruolo da esercitare (anche a costo di risultare inadeguato e dire cose che non risultano vere). A dispetto di chi si attribuisce una vittoria su singole azioni individuali, ricordiamo che hanno vinto il nostro dialogo e confronto con i cittadini”.

Stefania Vezzani

Vivo a Cinisello da sempre e mi ritengo una persona fortunata: ho avuto nonni speciali e ho genitori affettuosi. Mi hanno resa forte, ottimista, mi hanno insegnato che nella vita se hai qualcosa lo devi condividere. Da qui il mio forte bisogno di rendermi utile. Vivo con questa filosofia:  "Chiediti se ciò che fai agli altri, ti farebbe del male se a riceverlo fossi tu". Collaboro col giornale dal 2013, mamma di tre figli, felicemente sposata, ritengo un dono l'amicizia, sono allegra, amo leggere, scrivere, cucinare, camminare, adoro stare all'aria aperta.

Articolo precedente

Donne maltrattate. Accordo tra comuni per l’inserimento lavorativo

Articolo successivo

Fidel, Cuba e la storia. Appuntamento venerdì sera a Sesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *