13 Aprile 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Ghilardi giura in consiglio. Di Lauro presidente dell’aula

“Chi ha votato ha manifestato un legame radicalmente più forte con le persone prima ancora che con la parte politica da esse rappresentata. Sappiamo che, almeno a livello locale, questo è sempre stato vero, ma oggi appare ancora più vero”, lo ha affermato il sindaco Giacomo Ghilardi durante il discorso di insediamento nella prima seduta del nuovo consiglio comunale di Cinisello Balsamo. Seduta che ha visto anche l’elezione del presidente del consiglio Antonio Di Lauro.

Ghilardi ha salutato i nuovi consiglieri e ha parlato di una città rivitalizzata, analizzando il voto che ha mostrato la fine delle vecchie appartenenze ideologiche. Ma ha anche evidenziato quanto pesi il problema dell’astensionismo che ha colpito l’ultima tornata amministrativa. Ghilardi legge la disaffezione al voto come il distacco della gente da una politica litigiosa.

E’ un sindaco che prova a pacificare quello che prende la parola in una serata molto attesa da tanti. Si fa federatore di una città che lui vede unita e coesa più che mai. Rivendica la sua presenza da cinque anni al fianco dei cinisellesi, chiave della vittoria, intento da perseguire anche nel futuro. Quindici minuti di discorso di un sindaco consapevole di avere tutti gli occhi puntati addosso, ora che è la sua personale vittoria ad essere nitida più che mai. E le aspettative sono altissime. Molti attendono nuovi progetti a partire dall’urbanistica, dove negli ultimi cinque anni si è visto davvero poco.

Ghilardi apre alla coesione, chiede alle opposizioni la fine di litigi inutili, di lavorare tutti in un’unica direzione. Tuttavia proprio dai banchi del centrosinistra qualcuno storce il naso perché la prima assemblea non prevede repliche da parte della minoranza al discorso del sindaco. “Parlano di cambiamento, collaborazione, rispetto delle minoranze. Poi vietano ai consiglieri di minoranza di parlare. Plastico esempio della differenza tra le parole e i fatti. La solita destra arrogante, eccola in fotografia. Ma in questi 5 anni avranno tanta, tanta, battaglia. Senza sconti”, afferma il dem Alberto Amariti.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Villa Ghirlanda, iniziato il restauro dell’obelisco. “Tornerà a splendere”

Articolo successivo

Consiglio, avvio con polemiche. I dem subito all’attacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *