29 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

La giunta firmata Ghilardi. I suoi civici con le deleghe più pesanti

La nuova giunta di Ghilardi, al suo secondo mandato, è firmata proprio dal primo cittadino. La lista che porta il suo nome vede tre nuovi assessori entrare nella squadra di governo, con deleghe molto rilevanti. Ad Affiancare Giuseppe Berlino, Riccardo Visentin, Maria Grazia Fumagalli e Daniela Maggi, tutti riconfermati ed esponenti rieletti in consiglio comunale, ci sono i nuovi arrivati.

La vera sorpresa di questa giunta di centrodestra, con i civici legati al nome del sindaco come maggiori azionisti, è Fabrizia Berneschi. Avvocato civilista, patrocinante in Cassazione, è stata per diverso tempo collaboratrice del nostro giornale. Ha ricoperto il ruolo di difensore civico a Cinisello ma è stata anche consigliera comunale nel centrosinistra. Poi la conversione sulla via di Ghilardi e il buon risultato individuale nella sua lista (217 voti). Avrà la delega, su cui sono puntati occhi ed aspettative, dell’urbanistica. A lei il compito più complicato di elaborare il nuovo piano di governo del territorio, dopo cinque anni in cui di progetti futuri in città se n’è parlato davvero poco.

Riccardo Malavolta è l’altro assessore targato Ghilardi. 50enne, laureato in fisica con esperienza da consigliere comunale avrà la delega pesante della sicurezza. Prende il posto del grande escluso di questa tornata, l’ex comandante dei carabinieri Bernardo Aiello, che Ghilardi aveva voluto in giunta e che si è presentato alle elezioni sotto il simbolo di Fratelli d’Italia.

Ci sarà anche Francesco Scaffidi tra i civici che entrano nel governo cittadino. E’ stato il più votato della sua lista e 70anni di età ed una vita in politica, finalmente farà l’assessore a Cinisello Balsamo. Il sindaco gli cede la delega ai lavori pubblici e servizi cimiteriali. Un settore è di quelli che non si fermano mai.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Volontari partiti per la Romagna. Saranno operativi nel ravennate

Articolo successivo

Il 25 maggio 1922 nasceva Enrico Berlinguer, il politico più amato di sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *