24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Al Pax va in scena “Scintille” della Compagnia Teatrale Primavera

Un’originalissima commedia in due atti, definita “semi-seria” e “semi-ballata”: è questa la proposta della Compagnia Teatrale Primavera che va in scena al Cinema Teatro Pax venerdì 12 maggio alle 21.00.

Scritta da Aurora Forti, anche regista dello spettacolo, Giuliana Moioli e Ambra Tortora, la brillante opera è presentata come “Scintille di vita che si accendono, di diverse emozioni, che si moltiplicano, che si sdoppiano, ci rallegrano e ci fanno pensare”.

La narrazione riguarda ognuno di noi, come sottolineato sulla locandina: “Scintille, luminose e cupe, lucenti e buie. Sono le storie di tutti noi”. La dimensione sonora gioca un ruolo significativo: “Poi ci sono le Scintille di musica che ci fanno battere il cuore e tenere il ritmo con il corpo e con la mente”.

Per la serata è richiesta una prenotazione obbligatoria al numero 339 1627948. Sono garantiti “Pezzi di ricordi, di emozioni e qualche risata qua e là. Proprio come nella vita”.

Emanuele Lavizzari

Dopo un titolo accademico in Lingue e Letterature Straniere ha lavorato in ambito turistico-alberghiero tra Spagna, Italia e Germania. In seguito a un master universitario in ideazione e produzione audiovisiva approda al giornalismo. Ha collaborato con alcune testate locali in Lombardia, prima di giungere all’Associazione Italiana Sommelier Editore, dove attualmente è responsabile del coordinamento redazionale e direttore editoriale della rivista “Vitae”. Ama l’impressionismo musicale, la poesia simbolista e le contaminazioni fra generi nella musica e nella letteratura. Passa agevolmente da una tastiera di pc a quella di un pianoforte, anche se tra i due preferisce decisamente il secondo. Questo è il motivo per cui si è dedicato a ulteriori studi e ha conseguito una laurea magistrale in Scienze della Musica con una tesi sul compositore spagnolo Manuel de Falla. Suoi grandi interessi sono anche l’atletica leggera e la televisione. Ha corso tanti chilometri in pista, su strada e su percorsi campestri e non si è ancora stancato di farlo.

Articolo precedente

Cucinare risparmiando, domani il corso del Social Market

Articolo successivo

Un premio alla memoria di Silvio Bertoli, stimato professore della Multimedica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *