8 Dicembre 2023

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Un testimone smonta le accuse dell’aggressione alla candidata

“Ero presente questa mattina e non è successo assolutamente nulla, non c’è stata alcuna aggressione e nessun tipo di contatto. La signora è uscita dall’ospedale urlandoci di togliere le nostre bandiere e di andare via. Noi stavamo solo volantinando ma nessuno l’ha aggredita”. E’ la testimonianza di Marco, attivista di Verdi-Sinistra Italiana presente questa mattina durante quello che il sindaco Ghilardi denuncia come un’aggressione fisica ai danni di un’esponente della sua lista civica ad opera di Francesco Casarolli. Tuttavia alla luce di questa dichiarazione, rilasciata in un video, le cose sembrano andate molto diversamente.

Come sottolinea una nota della coalizionedi centrosinistra pubblicata poco fa. “Apprendiamo da un comunicato del sindaco Ghilardi di una presunta aggressione ai danni di una candidata della propria lista civica che sarebbe avvenuta questa mattina. La candidata sostiene di essere stata aggredita da un esponente dell’alleanza Verdi Sinistra, il portavoce dei Verdi Francesco Casarolli, e di aver riportato traumi giudicati guaribili in 8 giorni. Augurando pronta guarigione alla candidata, fiduciosi che verrà fatta presto chiarezza sull’episodio, rigettiamo con forza i toni inaccettabili e denigratori del comunicato del sindaco Ghilardi. Inoltre, ci è pervenuto il video di un testimone che smentisce l’aggressione da parte del candidato di Alleanza Verdi Sinistra”.

“Il Sindaco, non potendo credere all’opportunità di sfruttare un presunto episodio violento per la propria campagna elettorale, si lancia in riferimenti ad altri episodi, mai accaduti, rivendicando per la sua coalizione una correttezza smentita dai comportamenti, anche illegali, tenuti da molti dei candidati che lo appoggiano”, conclude la nota.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Ghilardi denuncia: aggredita una candidata. La sinistra smentisce, tutto falso

Articolo successivo

Ghilardi-Ghezzi, due campagne elettorali (e stili) agli antipodi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *