25 Maggio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Il sovrappasso abbandonato. “Sei anni senza un accordo tra i comuni”

Continua a fare discutere la situazione in cui versa la stazione Trenord di Cusano Milanino-Cormano. I continui atti vandalici hanno costretto le amministrazioni dei due comuni di centrodestra a chiudere addirittura a data da destinarsi il sovrappasso ciclo-pedonale sulla ferrovia.

A riportare l’attenzione sulle condizioni della stazione e della zona limitrofa ci hanno pensato i consiglieri comunali del PD, Lista civica Fare di Più e Cusano Milanino Ambientalista e Solidale, che ricostruiscono i fatti amministrativi legati a questa vicenda e presenteranno una mozione al prossimo consiglio comunale.

Nel dicembre 2016 il comune di Cusano Milanino – scrivono in una nota le forze di opposizione – si impegnava a gestire gli impianti fino al 17/05/17, data entro cui sottoscrivere una convenzione pluriennale di gestione, mai sottoscritta: 6 gli anni trascorsi, 2 a carico delle amministrazioni di centrosinistra dei 2 comuni (fino a maggio 2019) e 4 a responsabilità delle amministrazioni di centrodestra. La prima riunione tra i comuni avviene in data 25/02/21 (a quasi 2 anni dalla entrata in carica delle nuove amministrazioni di centrodestra).

Per il momento nessuna convenzione o accordo è stato stipulato ma la passerella ciclo-pedonale è stata chiusa. Gli ascensori sono guasti, quello di Cormano addirittura da tre anni e poi la sporcizia regna sovrana. La denuncia del centrosinistra non si ferma qui. Non esiste, per il momento, un sistema di videosorveglianza su cui l’amministrazione cusanese ha iniziato a muoversi con la richiesta di preventivi, ma i tempi si preannunciano lunghi.

Incuria, degrado e poca sicurezza sono ormai certezze per un’area, quella della stazione Trenord, investita quasi quotidianamente da atti vandalici. C’è da lavorare molto anche sul fronte socio-educativo, chiede la minoranza, perché l’impressione è che siano tanti, troppi, i giovanissimi lasciati allo sbando giorno e notte.

E sul fronte politico resta la richiesta che i due comuni interessati stipulino al più presto la convenzione per la cura del sovrappasso da troppo tempo ormai chiuso al passaggio.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

La Crocetta vuole chiarezza. Stasera confronto tra candidati sindaci

Articolo successivo

“Dal centrodestra campagna elettorale senza regole”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *