24 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Resiste il rito dell’attacchinaggio, soprattutto a sinistra

“Stasera andiamo ad attacchinare i manifesti”. E’ il rito che si compie nei partiti e movimenti della sinistra (c’è qualcuno che lo fa anche a destra ma sono rimasti davvero pochi) a qualche giorno dalle elezioni di qualsiasi tipo. Se sono amministrative e riguardano il proprio comune e magari si è pure direttamente coinvolti, allora il rito diventa d’obbligo quasi come la preghiera serale, per chi ci crede.

Nonostante i tempi cambino, la politica pure, andare per manifesti elettorali resta la cifra, la caratura di un militante che si rispetti. In questo caso la foto ci propone due sostenitori di Cinisello Balsamo Civica ma se seguissimo quelli del PD sarebbe la stessa cosa. E non è solo una questione di risparmio economico, preparare la colla nei bidoni e caricarla in auto con i manifesti per fare il giro della città alla ricerca di tabelloni, è qualcosa che attesta l’impegno, la serietà, l’attaccamento alla maglia.

La destra, dall’arrivo sulla scena di Silvio Berlusconi una trentina di anni fa, ha appaltato la militanza, ovvero ha iniziato a gestire le campagne elettorali in modo professionistico, affidandole alle agenzie per un servizio chiavi in mano, che comprende anche l’affissione dei manifesti. A sinistra resiste invece la tradizione del fai da te. Che appassiona e rende tutto più romantico, anche se molto faticoso.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Ghilardi, specialista dell’annuncio e uomo solo al comando

Articolo successivo

Arrivano i big. Oggi Toia e Borghetti, domani Elly Schlein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *