22 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

A rischio la storica accademia di musica. La scuola nega le aule

Dopo 30 anni di attività l’Accademia di Musica Heitor Villa Lobos rischia di perdere la sua sede storica all’interno della Scuola Media Don Minzoni a Paderno Dugnano. Secondo quanto riportato dall’Accademia, la direzione scolastica ha infatti deciso di negare gli spazi per la prima volta dal 1991, concessi grazie al patrocinio e alla convenzione con il comune.

Ora è a rischio l’esistenza stessa di Villa Lobos perché al momento non sono stati individuati nuovi spazi capaci di soddisfare le esigenze di un’accademia ormai ben radicata e vissuta dai padernesi di tutte le età. “L’Amministrazione Comunale, che da sempre ha riconosciuto l’importanza dell’Accademia, non riesce a reperire altri spazi e l’Accademia che ha fatto della Musica la propria mission, mettendo al centro lo sviluppo musicale fin dalla più tenera età, potrebbe non essere più presente a Paderno o vedere fortemente ridimensionata la propria attività, non riuscendo così a dare le risposte a una utenza che crede nella proposta diversificata dell’Accademia”, si legge in una nota di Villa Lobos.

“Nella sede, che ha spazi ampi, strumentazione e un auditorium si viene per imparare uno strumento, per fare musica di insieme, Coro, Orchestra e band giovanili, per improvvisare, per ascoltare, per incontrarsi e socializzare. Nell’Accademia si sono trovati intere generazioni di padernesi: oggi vediamo genitori che sono stati allievi che portano in Accademia i propri figli e allievi che sono diventati a loro volta docenti. Centinaia di allievi possono ritrovarsi senza la possibilità di proseguire o di iniziare, a Paderno Dugnano, lo studio di uno strumento, di partecipare ai gruppi musicali (Coro e band) o semplicemente di ritrovarsi in uno spazio di sperimentazione artistica e circa 30 docenti rischiano di perdere incarichi lavoro”, conclude il comunicato.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Il 25 aprile di Salvini a Cinisello. Attesa una folla che non c’è

Articolo successivo

25 Aprile, niente “Bella Ciao” alla celebrazione del comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *