29 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Una mostra di ANPI ricorda la fame durante la guerra

Una mostra itinerante per raccontare l’alimentazione al tempo di guerra. “Dal pane bianco al pane nero” è il titolo della rassegna che ANPI ha ideato e previsto di esporre in alcuni luoghi di Cormano e che partirà mercoledì 12 aprile per chiudersi il prossimo 25 Aprile. La mostra toccherà la sede Proloco di via Papa Giovanni XXIII (12-13 aprile dalle 10 alle 17), la scuola secondaria di primo grado Gianni Rodari di via Beccaria (il 20 aprile dalle 17 alle 18) e piazza Scurati il 25 Aprile dalle 10 alle 12.

Con la mostra “Dal pane nero al pane bianco” dedicata all’alimentazione e alla vita quotidiana in tempo di guerra l’ANPI offre una nuova chiave di lettura e di riflessione sulle sofferenze che le popolazioni sono costrette a subire nei periodi bellici. Si tratta di una iniziativa di grande interesse storico che affianca al tema della nutrizione, necessità fondamentale della vita, il messaggio universale di pace, libertà, democrazia e giustizia per cui i partigiani hanno dato la vita. Il ritorno del pane bianco, dopo gli anni di privazioni e sofferenze imposte dalla dittatura fascista, rappresentò per gli italiani la fine della guerra e la riconquista del cibo e della libertà.

Una libertà ottenuta con il sangue e il sacrificio della vita di giovani donne e uomini, partigiane e partigiani, come Sandra Brambilla Pesce, che nella sua bellissima autobiografia vedeva proprio nel ritorno al pane bianco il segno di un futuro di pace e prosperità. L’esposizione realizzata da ANPI, attraverso foto, documenti e testimonianze d’epoca, ci mostra le tante forme assunte da quella lotta di popolo.

Dalla lotta dei partigiani sulle montagne a quella degli operai delle grandi fabbriche che, altrettanto coraggiosamente, avevano affermato con le prime ondate di scioperi il rifiuto alla guerra e alla dittatura fascista, la mostra apre una finestra da una prospettiva inedita su quegli anni drammatici, anni in cui la lotta contro la violenza, la prepotenza e l’oppressione andava di pari passo con l’aspirazione a un mondo migliore, rispettoso delle persone, dei diritti sociali, dei beni comuni, dell’ambiente.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Ghezzi apre il comitato elettorale in via Verdi

Articolo successivo

Curve razziste (da chiudere) lo specchio del Paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *