21 Maggio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Il 25 Aprile circondato da eventi ma della Liberazione non se ne parla

Aprile è il mese in cui si celebra la Liberazione dal nazi-fascismo che culmina nella ricorrenza del 25. Ma a Cinisello Balsamo si parla d’altro. Le celebrazioni istituzionali ovviamente ci saranno come ogni anno ma l’amministrazione comunale ha deciso di impegnare il mese di aprile e l’inizio di maggio (il 1 maggio è la Festa dei Lavoratori) con alcuni eventi culturali che hanno poco a che fare con i temi della Resistenza.

Si tratta di un viaggio letterario-musicale fra i grandi autori della letteratura italiana, da Italo Calvino a Giovanni Verga, da Luigi Pirandello a Carlo Emilio Gadda che parte giovedì 13 aprile. “Quattro incontri narrati e musicati per vivere altrettanti autori protagonisti del nostro Novecento in una chiave diversa dal solito. L’iniziativa coinvolge quattro importanti e anche suggestive sedi cittadine in appuntamenti a ingresso libero e gratuito”, recita un comunicato di palazzo.


Si comincerà il 13 aprile, alle ore 21 all’Auditorium Falcone e Borsellino del Centro Culturale Il Pertini con “Le città invisibili: Italo Calvino”. Un concerto-spettacolo con la musica originale di Irina Solinas e la regia e interpretazione di Christian Poggioni. Nel centenario della nascita di Calvino, un racconto inedito come un viaggio visionario.


A seguire, il 20 aprile, la Sala degli Specchi di Villa Ghirlanda Silva ospita il recital con Mino Manni, voce recitante e la musica del violino di Silvia Mangiarotti. “La terra trema: Giovanni Verga”. L’autore, scomparso nel 1922, qui è rivissuto attraverso alcune delle sue novelle più rappresentative come Vita dei campi e Novelle rusticane su musiche di Bach, Schumann e altri.


La terza serata sarà il 27 aprile presso Villa Casati Stampa dove Christian Poggioni, voce recitante e Irina Solinas, violoncello interpretano “Io sono figlio del caos: Luigi Pirandello, con L’introduzione e il commento di Mario Porro, filosofo e storico.


L’ultimo incontro, al Museo di Fotografia Contemporanea, giovedì 4 maggio con “La Milano di Carlo Emilio Gadda” a 130 anni dalla sua nascita. Ancora una volta Christian Poggioni, voce recitante e Irina Solinas, violoncello solo con Mario Porro.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

A Cinisello scompaiono le periferie ma fioriscono le aiuole

Articolo successivo

Remo, l’angelo con zappa e badile che sistema (gratis) i marciapiedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *