26 Maggio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Franco Laini, il partigiano che diventò uno dei primi vigili urbani di Cinisello

In questi giorni si celebrano i settant’anni della Polizia Locale della nostra città, per questa occasione vogliamo raccontare brevemente chi era Franco Laini, che i meno giovani sicuramente ricordano. Secondo Alberto Scurati, Laini fu uno stimato comandante del Corpo dei Vigili Urbani dal 1959 al 1969. Erano i primi anni della loro presenza in città, si trattava di poche unità e la sua figura era una di quelle più amate e stimate. Era nato nel 1922 a Garlate, allora in provincia di Como. Partecipò alla Resistenza con la 128^ Brigata Garibaldi. Venne a vivere a Cinisello Balsamo e sposò nel 1946 la cinisellese, staffetta partigiana, Edoardina Dina Cereda, nome di battaglia Angela. Fu accanto a Dina negli anni difficili dell’immediato dopoguerra, riuscendo a ridarle la gioia di vivere e a costruire con lei una bella famiglia. Rimasta vedova troppo presto, perché Franco morì nel 1979, mi parlava sempre di lui con affetto, chiamandolo il mio Franco.

In questa foto, scattata nei pressi del Palazzo comunale, lo vediamo in divisa, è il secondo da destra accanto al sindaco Aldo Raimondi; il primo a sinistra è un altro partigiano, Dorino Zanga.

Patrizia Rulli

Articolo precedente

Riapre il teatro del Bì, la prima di Cividati è sold-out

Articolo successivo

Ghilardi si ricandida, “Vinceremo al primo turno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *